A- A+
Roma

Parentopoli, biglietti clonati, super stipendi per i dirigenti. Infine, perdite milionarie. Questi solo per elencare alcuni degli scandali che hanno investito Atac negli ultimi anni. Un gruppo di cittadini/utenti ha detto basta e ha deciso di passare alle carte bollate, presentando una denuncia alla Corte dei Conti e un'azione popolare di responsabilità.
L'azione, portata avanti dall'Istituto Internazionale Consumo e Ambiente e dal Centro di Iniziativa per la Legalità Democratica, ha posto nel mirino sopratutto chi avrebbe dovuto controllare i conti e le azioni portate avanti dalla società di trasporto pubblico: citati il Ragioniere Generale, il Segretario Generale, il Collegio dei Sindaci, il Collegio dei Revisori che hanno esaminato le carte, ma anche l'assessore Guido Improta che non avrebbe risposto alle ripetute richieste di accessi agli atti. Una mancanza di trasparenza che secondo i richiedenti, dovrebbe portare alle dimissioni l'assessore alla Mobilità, visto l'indirizzo dato dal sindaco Marino che ad inizio mandato aveva detto di voler trasformare il Campidoglio in una casa di vetro.
Tra le richieste portate dai cittadini/utenti all'attenzione dell'azienda ci sono: l’affido di verifiche a soggetti esterni sia all’Amministrazione che all’azienda con requisiti di specchiata moralità, senza conflitti d’interesse e scelti con procedure ad evidenza pubblica per mettere fine all’immorale commistione tra controllore e controllato: la visione dei dati su stipendi e premi di produzione dei dirigenti: la visione dei pareri sulle assunzioni fatti dalle aziende che hanno svolto le selezioni; il sequestro conservativo delle liquidazioni di dirigenti e manager sotto inchiesta; la riconversione degli amministrativi assunti nel merito della cosiddetta “parentopoli” alle funzioni di autisti, controllori e manutentori.
Solo per questo ultimo punto l'azienda spenderebbe circa 1milione e 300mila euro l'anno, uno scandalo nello scandalo che secondo le associazioni non verrebbe cancellato dall’accordo che Atac ha stretto con i sindacati per assunzione di 350 nuovi autisti.

Tags:
ataccorte dei conti




Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Da 34 anni in intimo hot: torna Miss Intimo, un premio alla bellezza assoluta

Da 34 anni in intimo hot: torna Miss Intimo, un premio alla bellezza assoluta

i più visti
i blog di affari
Nuove nomine per d.ssa Victoria Rowlands e avv. Cristiano Cominotto
Camilleri e la Sicilia immaginaria (tenera e irritante) di Montalbano
di Maurizio de Caro
Tette e culi in copertina fanno vendere di più? Lo spiega l'antropologo
di Mariella Colonna

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.