A- A+
Roma
Città ideali, crollo Roma: è 40esima. In testa alla classifica c'è solo nord

Emergenza rifiuti, metro al collasso e amministrazione comunale nel caos. Vivere a Roma non è semplice e la conferma arriva dalla classifica delle città ideali in cui vivere dove in testa ci sono solo città del nord: Bolzano, Trento e Pordenone formano il podio. Milano è settima e Firenze quarta. Per trovare la Capitale bisogna scivolare fino al 40esimo posto.

 

È questo il quadro tracciato dalla ricerca del quotidiano “Avvenire” intitolata “Ben Vivere: l’Avvenire dei territori”. La mappa, realizzata in collaborazione con la Scuola di Economia civile di Firenze e Federcasse, propone una chiave di lettura del tutto inedita dello stato di salute del nostro Paese, facendo leva su un mix di parametri quali demografia e famiglia, salute, impegno civile, ambiente turismo e cultura, servizi alla persona, legalità e sicurezza, lavoro, inclusione economica, capitale umano, accoglienza. Il tutto nella consapevolezza che la ricchezza pro capite e le opportunità di lavoro rivestono un ruolo importante sì, ma non esclusivo.

La geografia così ridefinita delle nostre “città ideali” propone molte conferme e diverse novità, sfatando anche qualche luogo comune. I centri medi “sembrano garantire una qualità complessiva migliore – scrive Francesco Riccardi – come se le grandi metropoli pur ricchissime di opportunità pagassero il prezzo della maggiore densità in termini di peggiore qualità ambientale e minore attenzione alle relazioni”. Così, per una Milano capace di issarsi sino alla settima posizione, troviamo Venezia 20esima, Roma 40esima, Torino 42esima, Palermo 93esima e Napoli addirittura 106esima (davanti solo a Crotone).

È evidente come le città del Mezzogiorno siano in difficoltà: sono tutte nella seconda meta’ della classifica, con Bari al numero 70 e dieci città agli ultimi dieci posti. Città ed intere regioni che, secondo gli autori del report, oltre al gap economico e occupazionale (il reddito medio nella provincia di Enna, 25.700 euro, è meno della metà di quello di Milano, 55.553 euro) scontano anche “peggiori servizi pubblici e un capitale umano più povero”: a Bologna i giovani con laurea sono il 37,5% e i diplomati il 70%, nella provincia di Barletta-Andria i laureati sono meno della meta’, il 14,5%, e i diplomati appena il 40%.

Non mancano i paradossi, in parte solo apparenti, con città come Trento, Bolzano (le due capofila) e la stessa Milano che lamentano punte di dipendenza da alcol, forme di disagio psichico e numero di suicidi: ma per andare ancora più in profondità, e affinare il metodo di valutazione, l’inchiesta propone altre due graduatorie, quella della “Generatività” (stile di vita comune capace di determinare effetti benefici sulla vita di altri esseri umani) e quella della “Responsabilità civile” dei territori: nella prima Bolzano guida davanti a Trento, Mantova, Pordenone, Ravenna, Milano, Macerata, Belluno, Pisa e Siena, nella seconda Trento precede Belluno, Bolzano, Mantova, Ravenna, Udine, Venezia. Parma, Cremona e Aosta.

Commenti
    Tags:
    città idealiromanordclassificavivere beneavvenireroma caoscrolloclassifica città ideali
    Loading...





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Spotted scandalo: la mappa delle belle universitarie scatena i molestatori

    Spotted scandalo: la mappa delle belle universitarie scatena i molestatori

    i più visti
    i blog di affari
    Al Circolo dei Lettori di Torino si parla di sfide imprenditoriali
    di Paolo Brambilla - Trendiest
    La Nanotech di Giuseppe Galimberti. Nanotecnologie d'eccellenza in Italia
    di Paolo Brambilla - Trendiest
    Soros sta con le Sardine: il padronato appoggia il suo prodotto inscatolato
    di Diego Fusaro

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.