A- A+
Roma
Comunicare per vivere, il guru Luigi Crespi dà alle stampe la sua bibbia

di Claudio Roma

Comunicatore o mero follower, libero o schiavo? Consumatore, utente, cliente o elettore oppure protagonista della sfida cruciale di cambiamento che investe la nostra società? E' su questa fondamentale scelta che ciascuno si gioca il proprio ruolo e la propria possibilità di realizzazione in un mondo in cui “siamo informati su tutto ma non conosciamo niente”.


Luigi Crespi riversa nel suo ultimo libro “Comunicare per vivere” (Kepler Edizioni) la sua esperienza professionale e umana ultradecennale. Un libro dal titolo "palindromo", perché è impossibile vivere senza comunicare ma neanche si può comunicare senza affrontare la vita.
Il naturale complemento di una metodologia auto-formativa di “edutainment” che per la prima volta verrà messa a disposizione in un’esperienza pubblica, La Fabbrica dei leader, un progetto che unisce la formazione all'intrattenimento, la conoscenza al coinvolgimento emozionale: un percorso capace di generare meraviglia e cambiare la direzione della vita. Mentre nel Paese le fabbriche chiudono lui ne inaugura una che porterà in tour per lo Stivale.

La storia di Luigi Crespi
Crespi è stato giocatore di football americano, dirigente politico, sell promoter. È conosciuto per la sua attività pubblica di sondaggista ma è anche un pubblicitario, spin doctor, coach e autore cinematografico. Ha lavorato per importanti aziende italiane e non solo, per grandi imprenditori, leader e artisti. Ha operato in Italia, in quasi tutti i Paesi europei e in Sud America ma la Comunicazione è il suo oceano dove sfreccia come il Nautilus del Capitano Nemo.
Spiega Crespi: "La comunicazione produce senso: può portare verso l’entusiastica costruzione o verso una paura mortale. È il momento di opporsi a tutto ciò che limita la nostra stessa libertà. Non si tratta di attribuire gerarchie o di limitare, ma di allargare, aggiungere, sommare, portando valore allo stesso concetto di comunicazione. Insomma, io sono equivale a io comunico, a patto che ciò che comunichiamo sia compatibile con quello che davvero siamo”-
Nel suo piccolo gioiellino, pubblicato in versione digitale e in versione cartacea, Crespi pone dubbi, lancia provocazioni, suggerisce imput, suscita una gran voglia di approfondire e imparare.

La schiavitù del pensiero unico
“Mai come oggi siamo liberi, eppure sembriamo schiavi di un pensiero unico del momento, pronto a cambiare alla prima nuova moda passeggera. In tale sistema ognuno di noi rischia di essere un mero follower, un semplice utente che al massimo può mettere mi piace o lasciare una reazione sui social. Ecco perché bisogna conoscere le regole della comunicazione”, scrive.
Poi, partendo da archetipi e personaggi chiave della Storia, disegna l'identikit del leader moderno: “la differenza la fa chi riesce a uscire dal tracciato disegnato dagli altri e poi riesce a portare tutti nella sua direttiva”.
Il volume, un vero e proprio manifesto della Fabbrica dei Leader, è “un manuale di sopravvivenza, un libro di profeti, un moderno abbecedario dell’era digitale. Perché chi comunica male è morto prima di muovere il primo passo. Con il suo saggio si impara a comunicare, come minimo a "difendersi”.
Definisce l'esperienza della Fabbrica “Un momento di cessione di conoscenza che diviene uno spettacolo con una struttura avvolgente che costruisce un percorso emozionale. Perché il sapere è sensoriale prima, e solo dopo reale.”
“Comunicare per vivere” non vuole però essere un libro di politica, un vangelo laico o un manuale di comunicazione aziendale. Il fine è aiutare la comprensione per non essere schiavo di messaggi subliminali, di archetipi che dominano le nostre esistenze da troppo tempo, di propaganda che appesta le dinamiche sociali delle nostre comunità. Una nuova era è a portata di mano, bisogna solo comprendere come è possibile indirizzarla verso un uso positivo. La comunicazione è uno strumento tecnico per accelerare i processi di consapevolezza e di crescita personale e l'esperienza di rivoluzione della comunicazione è essenzialmente un lavoro fondato sul verbo trasmesso di bocca in bocca”. Parola di Luigi Crespi dalla pirotecnica prefazione di Luca Telese.

 

Tags:
luigi crespicomunicare per viverecomunicazioneeditoriakepler eizionispin doctorluca telese

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

La curvy Mariani fuori di seno: due giorni a Roma in lingerie e trasparenze

La curvy Mariani fuori di seno: due giorni a Roma in lingerie e trasparenze

i più visti
i blog di affari
Da “Mani in Pasta” a Milano la vera pizza con acqua di mare e lievito madre
di Paolo Brambilla - Trendiest
Governo/ Forza, presidente Mattarella, dia l’incarico e torniamo a lavorare
di Angelo Maria Perrino
Ungheria, ecco i 4 motivi per cui il sistema liberal-libertario odia Orban
di Diego Fusaro

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.