A- A+
Roma
"Con" Pannella, Angioli, Bonino, Magi, Della Vedova, Pezzuto...

di Patrizio J. Macci

Ha detto "a subito" e subito è stato. Sono accorsi tutti in piazza, il popolo di Marco Pannella. Il popolo dei Radicali. In una piazza Navona che nella sua vicenda storica ha avuto la funzione di stadio e mercato, luoghi di popolo per definizione. All'estremo saluto del leader del partito che ha celebrato il funerale di tutti i partiti del dopoguerra, che ha detto una volta senza sbagliare e senza presunzione "Io sono la piazza".
L'agorà storico delle proteste romane e delle mille battaglie dei Radicali, degli arresti, dei sit in. In un sabato pomeriggio con il cielo di Roma che sembra quello di un quadro di Magritte; il palco è rivolto verso quel Palazzo che ha combattuto aspramente, e al quale ha dedicato la vita intera entrandoci per venti anni e facendosi portare fuori spesso a forza. Il feretro è sommerso dagli abbracci e dalle carezze dei compagni, la lattina della sua bevanda preferita (la Coca Cola) insieme a un pacchetto dei suoi sigari brillano come per magia poggiati in ordine sparso sul feretro
 È troppo piccolo lo spazio per contenere tutta la sua famiglia "allargata": Matteo Angioli, Laura Hart, Emma Bonino, Riccardo Magi, Benedetto della Vedova, Sergio D'Elia, Vittorio Pezzuto, Marco Cappato, Laura Bernardini. Ambrogio Crespi proietta sullo schermo il docuweb che racconta Pannella provocatore all'Università, Pannella dei cento digiuni, Pannella che lotta per l'aborto, la marija distribuita al mercato di Porta Portese e le sigarette fumate una dietro l'altra, la partitocrazia, lo strapotere dei giudici, il Parlamento dei "ladri", il Partito Radicale e il "vascello pirata" di Radio Radicale sempre in procinto di spegnersi, Giovanni Negri, Toni Negri e Cicciolina, la liberalizzazione della cannabis, il partito camaleontico che sta (sempre) per chiudere ma poi risorge. Proprio come lui che diceva: "sono morto tante volte, poi risorgo sempre". Un'orchestrina jazz suona i suoi blues malinconici: è l'unica disposizione per l'ultimo saluto sulla quale aveva espresso una volta una preferenza: "Al mio funerale niente lacrime, ma voglio l'orchestra che suoni come a New Orleans". L'hanno accontentato portando la Carletto Loffredo Jazz Band. Francesco Rutelli cammina nella piazza chiacchierando fitto con Spadaccia e Cicciomessere, altri due superstiti del Partito. I "quattro gatti" storici ancora in circolazione ci sono tutti, vecchi e nuovi.
Ma forse il senso ultimo di questo funerale laico - e Pannella avrebbe avuto da dire e discutere anche su questo comunque -è il Requiem di Mozart come sottofondo musicale che scorre all'infinito. L'ultima opera di Mozart, quella incompiuta per antonomasia. La stessa che andava in onda durante le interruzioni di Radio Radicale. C'è ancora da fare, da scrivere e da lottare.
La sua opera ora è affidata alle decine di schegge del Partito disseminate ovunque. Non lascia nulla di materiale. Lascia nel suo testamento politico, a tutti quelli che vorranno difenderle e sostenerle, le sue idee e le sue battaglie.

Tags:
angioliboninomagidella vedovapezzutopannellafunerali pannella




Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Roma, Raggi in tv: “Senza il fango dei giornalisti voleremo”. Ma Fdi attacca

Roma, Raggi in tv: “Senza il fango dei giornalisti voleremo”. Ma Fdi attacca

i più visti
i blog di affari
Alimentarsi bene per stare in forma
di Barbara Cappelli
Andrea Enria alla presidenza della Vigilanza BCE
La fronda grillina sul caso Ischia-Genova una minaccia per l’alleanza pentaleghista e per la stabilità del governo Conte
di Angelo Maria Perrino

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.