A- A+
Roma
Corruzione e manette al San Camillo. Lavori finti, veri black out nei reparti

Nasce da un esposto dell'allora direttore generale del San Camillo-Forlanini Antonio D'Urso (ora alla guida dell'Azienda Ospedaliera Universitaria di Sassari) l'indagine della Procura di Roma sull'illecita gestione degli appalti.

 


L'esposto, presentato il 29 luglio 2015, riepilogava una serie di episodi di black out elettrici registrati in diversi padiglioni dell'Azienda ospedaliera con conseguenti problemi nell'attivazione dei gruppi elettrogeni che "aveva riguardato non solo gli uffici ma anche reparti attivi, come quello di maternità".

Come ricorda il gip Flavia Costantini nell'ordinanza di custodia cautelare, il primo episodio di black out, che interessò il Padiglione Busi, e' del 13 luglio: "In seguito a tale episodio - scrive il giudice - venivano chiesti dal direttore generale spiegazioni ad Alessandro Agneni, atteso che alcuni dipendenti della Stim srl gli avevano riferito, confidenzialmente, che l'episodio era stato causato dalla mancanza di carburante nei gruppi elettrogeni".

Il secondo black out, che coinvolse il Padiglione Morgagni, è della mattinata del 27 luglio: anche in questa circostanza il gruppo elettrogeno non si era attivato. D'Urso chiese di nuovo spiegazioni e a quel punto Agneni si sentì con la responsabile della Cofely Italia Rita Aurigemma, che gli prospettava la scusa da utilizzare per 'coprire' la Stim srl.
Per il gip Costantini "gli inconvenienti erano dovuti al fatto che la Stim srl aveva fatto proprie numerose commesse tra le quali anche le verifiche sui gruppi elettrogeni e di continuità, ma di fatto tali verifiche non erano mai state fatte".
In una conversazione con un altro indagato, Agneni apprendeva che "mancava la sicurezza totale in quanto le batterie erano scariche, dovevano essere controllate 'ogni tanto' e avrebbero potuto comportare 'piccole' interruzioni di corrente". "Tali mancanze di energia elettrica - sottolinea il giudice - avevano messo in evidenza la vulnerabilità dei sistemi supplementari di fornitura di energia elettrica, quali gruppi elettrogeni, ciò con il rischio reale di mettere a repentaglio l'incolumità dei pazienti. Tale situazione veniva aggravata ulteriormente nella notte tra il 28 e il 29 luglio 2015, a seguito dell'ennesimo black our avvenuto alla rete elettrica, che aveva interessato i Padiglioni Lancisi, Flaiani, Maroncelli e Cesalpino".

 

Appalti per il Giubileo truccati al San Camillo: 10 persone arrestate

Tags:
corruzionefondi giubileosan camilloarresti san camillogeneratori correntematernità




Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Raggi assolta, era previsto da Beatrice241. Ma con la legge non è finita

Raggi assolta, era previsto da Beatrice241. Ma con la legge non è finita

i più visti
i blog di affari
Premiato alla Bocconi il Gruppo italiano Epta, leader nella refrigerazione
di Paolo Brambilla - Trendiest
Il Nord che teme la meridionalizzazione del Paese
di Ernesto Vergani
La comunicazione nel canto e del corpo: 3 cose da sapere
di Giancarlo Genise

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.