A- A+
Roma
Crisi Roma, anche i tedeschi dell'Opel lasciano la Capitale per Milano

Roma in crisi, anche i tedeschi dell'Opel abbandonano la Capitale e scelgono Milano. Dopo i casi Sky e Mediaset prosegue la fuga delle aziende, con oltre 140 posti di lavoro a rischio.
 

Seguendo l'esodo delle grandi multinazionali della comunicazione, farmaceutica e petrolchimica P.S.A (Peugeot-Citroën) annuncia a sorpresa la chiusura entro il 30 ottobre della sede romana di via Andrea Millevoi, ed il trasferimento nel capoluogo meneghino. Secondo quanto riportato dalla Uile del Lazio e la UilTucs, che da tempo seguono le trattative, i lavoratori avrebbero tempo entro l'8 giugno per comunicare la propria disponibilità al trasferimento, con una liquidazione pari a 12 mensibilità pronta in caso contrario.

In bilico quindi il fututo di 140 dipendenti, di cui 90 amministrativi e 50 venditori. Circa l’80% di questi ha già dichiarato di non poter accettare il trasferimento, soprattutto per via di vincoli famigliari. La maggior parte dei lavoratori è infatti costituita da donne tra i 40 e i 50 anni, quasi tutte mamme di bambini in età scolare. “Andare a vivere a Milano significherebbe sradicare l’intera famiglia, bimbi in primis - racconta una lavoratrice - cambiare abitudini, scuole, oltre che dividere il nucleo famigliare perché mio marito, come la maggior parte dei coniugi delle mie colleghe, lavora a Roma. Ma soprattutto diventerebbe insostenibile dal punto di vista economico: stiamo ancora pagando il mutuo della nostra casa e trovarne un’altra a Milano equivarrebbe a raddoppiare la spesa. Cosa che non possiamo assolutamente permetterci”.

Stesse dinamiche, stesse risposte da parte di molte altre lavoratrici. Unica alternativa al momento sembra essere il licenziamento. “A meno che le istituzioni non intervengano in tempi brevissimi per cercare di risolvere la situazione ed evitare l’ennesima fuga di un’altra azienda verso il nord Italia - commentano i segretari generali della Uil Lazio e della UilTucs regionale, Alberto Civica e Giuliana Baldini - stiamo cercando di trattare con la P.S.A e di coinvolgere il governatore Zingaretti per impedire che altri 140 nostri concittadini rimangano senza lavoro in una città immobile da troppo tempo. Una città che non solo non riesce a creare nuove opportunità ma sta perdendo anche quell’occupazione un tempo considerata stabile”.

Tags:
crisiromalavoroimpresefugaopelmilanoskymediasetlavoratorilicenziamentotrasferimentopsa-opel




Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Roma: dopo due anni e mezzo M5S si ricomincia a tagliare l'erba e le siepi

Roma: dopo due anni e mezzo M5S si ricomincia a tagliare l'erba e le siepi

i più visti
i blog di affari
Il mercato immobiliare milanese per Marco Giuseppe Stefanoni
Governo, Salvini ad Affari: "Io penso a elezioni anticipate? Balle spaziali!"
di Angelo Maria Perrino
Pd, Minniti e la sua sinistra per i deboli. Non dimentichi la lotta all'Ue
di Di Diego Fusaro

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.