A- A+
Roma
De Vito, scena muta davanti al gip. Mezzacapo: "Tangenti? No, compensi”

Marcello De Vito arrestato, il grillino sotto accusa per mazzette “fantasma” di avvale della facoltà di non rispondere davanti al gip. L’avvocato Camillo Mezzacapo respinge le accuse durante l’interrogatorio di garanzia: “Nessuna tangente, erano compensi professionali”.

 

La corruzione 2.0 si fattura e ci si paga sopra anche le tasse sopra. È quello, che secondo le ricostruzioni del Gip, avveniva nel "metodo De Vito", che in cambio della sua influenza di presidente dell'assemblea capitolina non avrebbe ricevuto soldi, bensì incarichi professionali apparentemente regolari. Un modus operandi che ha permesso a Francesco Petrilli, difensore dell'avvocato-intermediario di De Vito Camillo Mezzacapo, di negare ogni coinvolgimento: "Mezzacapo alle domande del pm e ha chiarito ogni aspetto - dichiara il legale - Ha spiegato che quei soldi percepiti non sono nessuna tangente, ma solo compensi per attività professionali, piu' precisamente per transazioni e attività che si svolgono di norma presso le pubbliche amministrazioni".

Una serie di commissioni a cascata, con il giro di soldi che conduceva alla società Mdl, che, assicura ancora l'avvocato dopo l'interrogatorio di garanzia: "Mezzacapo ha chiarito che la Mdl srl non e' una societa' 'cassaforte' e non e' in alcun modo riconducibile a De Vito".

Nel frattempo Marcello De Vito si è avvalso della facoltà di non rispondere nell'interrogatorio di garanzia davanti al gip. "Chiarirò tutto. Sono sereno anche se molto dispiaciuto per quanto accaduto", avrebbe detto De Vito al suo legale, Angelo Di Lorenzo, che ha incontrato a Regina Coeli.

Il difensore ha spiegato: "De Vito avrebbe voluto rispondere già oggi al gip per chiarire, ma gli ho chiesto di avvalersi della facoltà di non rispondere per darmi il tempo di organizzare una difesa completa. Sono stato nominato due ore fa, dopo la rinuncia di un collega, e ne so quanto voi". Di Lorenzo ha quindi concluso: "De Vito e' tranquillo, vuole solo chiarire".

Commenti
    Tags:
    arresto de vitomarcello de vitostadio romatangentimezzacapoarrestocampidogliocorruzioneinterrogatoriomazzetteroma




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Stadio Roma, Marcello De Vito un mostro: no, vittima di Parnasi. È Cassazione

    Stadio Roma, Marcello De Vito un mostro: no, vittima di Parnasi. È Cassazione

    i più visti
    i blog di affari
    Fico, versione maschile della Boldrini: altro servo della classe dominante
    di Diego Fusaro
    Governo, ma quale Fico? Cinquestelle compatti e fermi su un Conte Bis
    di Angelo Maria Perrino
    Business Roundtable promuove negli Usa una nuova visione aziendale
    di Paolo Brambilla - Trendiest

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.