A- A+
Roma
Di Maio, la crisi e il bacio col Pd: torna De Vito e dichiara guerra all'M5s

Di Maio capo del Movimento e l'accordo col Pd. Ancora agli arresti domiciliari, il presidente del Consiglio Comunale di Roma, Marcello Di Vito, tuona annuncia la spaccatura M5S: “Di Maio? Egoismo, cinismo, spregiudicatezza non possono essere queste le “doti” politiche di un capo del M5S”.

E sull'accordo col Pd: “Se non ritroviamo i nostri valori e temi di base, non vi sarà “contratto” o “accordo politico” che dir si voglia che possa essere utile, per il Paese e per noi. Gli inviti alla discontinuità sono sensati. Mi auguro che vi sia la forza, il coraggio e il buonsenso di comprenderlo”.

In un'intervista con la quale De Vito, arrestato all'alba del 20 marco scorso nell'inchiesta Stadio Roma-Parnasi, in attesa di ritrovare la sua libertà dopo la pronuncia della Cassazione sul suo arresto “frutto di congetture”, va all'attacco contro chi l'ha espulso in 5 minuti e si prepara alla guerra.

Al Corriere delle Sera, tramite il suoi legali consegna parole di fuoco: “Sussistono plurime violazioni del nostro statuto e codice etico: le regole valgono per tutti? Uno vale uno? Sussiste soprattutto un comportamento deludente sul piano umano da parte di un capo politico. Non si può giocare sulla pelle delle persone. Il Movimento che io ho conosciuto non può ammetterlo. Credo anche che la gestione della mia vicenda sia stata utilizzata per poi declinare una campagna elettorale contro l’“avversario/alleato” della Lega su temi giustizialisti, preoccupato esclusivamente dalla perdita del consenso via via registrata dall’inizio dell’esperienza di governo “gialloverde”. Una campagna fallimentare e fuori dal tema europeo, giustamente punita dai cittadini alle urne. A tema, ho visto solo un “Tango a Parigi coi gillet gialli”. Cinque minuti dopo le elezioni è tornato da Salvini, con tanto di congratulazioni per il 34%, come se nulla fosse. Due giorni dopo ha mandato una mail agli iscritti, invitandoli “a votare per confermare la fiducia a Luigi Di Maio”... Poi il 12 luglio, in piena pendenza del mio procedimento disciplinare, ribadiva pubblicamente la imminenza di prossime espulsioni, condizionando ancora una volta la libertà di valutazione di soggetti terzi quali sono i probiviri. Infine il 22 luglio dichiarava: “Io col partito di Bibbiano non voglio averci nulla a che fare”. Oggi è in trattativa col Pd mentre panifica con leggiadra disinvoltura su due forni. A tutto c’è un limite".

Ecco cosa disse Luigi Di Maio il giorno dell'arresto

Stadio Roma, Marcello De Vito un mostro: no, vittima di Parnasi. È Cassazione

Commenti
    Tags:
    di maiode vitomarcello de vitostadio romaluca parnasiconsiglio comunale romacrisi di governoaccordo pd m5sarresto de vito
    Loading...





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Dalle Olimpiadi in poi il buio sullo sport romano. Cochi, Fdi: “E' il caos”

    Dalle Olimpiadi in poi il buio sullo sport romano. Cochi, Fdi: “E' il caos”

    i più visti
    i blog di affari
    Inps, l'iscrizione per il primo lavoro? Un vero e proprio percorso a ostacoli
    di Tiziana Rocca
    La banana con scotch di Cattelan coglie la bruttezza dei nostri tempi
    di Diego Fusaro
    Alla prima della Scala 3mila € per un biglietto e nemmeno un operaio
    di Diego Fusaro

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.