A- A+
Roma

Una ventina di militanti si sono arrampicati sulla terrazza del Palazzo Senatorio per esporre questo striscione "Magliana: quartiere sfiancato da diossine e degrado". La protesta nasce contro la presenza, a Magliana, di accampamenti abusivi di Rom che oltre ad occupare spazi nei polmoni verdi del quartiere, li devastano con rifiuti di ogni genere, creando i presupposti per un vero e proprio disastro ambientale. I rischi riguardano la salute, perché "tutte le sere si cominciano ad alzare fumi dalle baraccopoli dovuti alle plastiche bruciate per recuperare rame e altri metalli da rivendere".

Tags:
romdiossinaroghi tossici
Loading...





Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Dalle Olimpiadi in poi il buio sullo sport romano. Cochi, Fdi: “E' il caos”

Dalle Olimpiadi in poi il buio sullo sport romano. Cochi, Fdi: “E' il caos”

i più visti
i blog di affari
Inps, l'iscrizione per il primo lavoro? Un vero e proprio percorso a ostacoli
di Tiziana Rocca
La banana con scotch di Cattelan coglie la bruttezza dei nostri tempi
di Diego Fusaro
Alla prima della Scala 3mila € per un biglietto e nemmeno un operaio
di Diego Fusaro

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.