A- A+
Roma
Donne schiave, le suore anti-tratta invadono Roma. I racconti delle violenze

Le suore anti-tratta da tutto il mondo invadono Roma. Dal 21 al 27 settembre la Uisg, l'Unione Internazionale delle Superiore Generali, celebra il decimo anniversario della rete anti-tratta Talitha Kum. Ottantasei delegate, provenienti da 48 Paesi, si riuniranno nella Capitale per sette giorni "per decidere il futuro dell'impegno delle suore contro il traffico di persone".

 

In dieci anni, Talitha Kum ha raccolto anche successi nella lotta alla tratta. Come nel caso di Maryam, dal carcere al lavoro di educatrice: "Avevo all'incirca 20 anni - racconta la donna - quando in carcere incontrai per la prima volta una delle sorelle di Talitha Kum: ero stata arrestata perché la madame mi aveva denunciato per sfruttamento alla prostituzione. Avevo deciso di lasciare il mio Paese, la Nigeria, dopo la morte di mio padre. Volevo aiutare mia madre e i miei fratelli. Arrivata in Italia con la promessa di un lavoro, mi ritrovai sulla strada, sotto le direttive di una madame che mi sottoponeva a violenze fisiche e psicologiche. Pensavo che una volta saldato il debito mi sarei liberata da questo incubo. Ma loro chiedevano sempre più soldi. Sola e senza documenti finii in carcere, pur essendo innocente. Fu una suora che veniva a visitarmi a darmi un'altra opportunità. Mi diede fiducia e convinse la sua comunità in Sicilia ad accogliermi in casa loro, consentendomi di ottenere gli arresti domiciliari". Maryam, come racconta, si è fatta una famiglia e lavora come educatrice.

C'è poi la storia di Jessie: "Lavoravo in un'industria chimica in Uganda. Dopo essermi ammalata a causa di un'allergia ai materiali che utilizzavamo, dovetti lasciare il lavoro. Comprai un piccolo chiosco per vendere cibo ai passanti. Tutto andava bene, fino a quando venni truffata da un'agenzia che mi offrì di lavorare in Medio Oriente. Credevo di aver avuto una grande opportunità e invece mi ritrovai in un contesto di schiavitù domestica. Lavoravo senza sosta e non ricevevo né cibo né compenso. Non pensavo ad altro che a scappare da quella terribile situazione. Durante un primo tentativo di fuga venni violentata da un taxista a cui avevo chiesto aiuto. Ma la disperazione mi portò nuovamente a fuggire e per fortuna l'altro taxista mi accompagnò in ambasciata. Fu l'inizio di una nuova vita: arrivai in una casa di religiose che si presero cura di me, dandomi cibo, vestiti, dignità. Un giorno chiesi alle sorelle la possibilità di poter rientrare a casa. Le suore mi aiutarono a ottenere i documenti e a prendere contatti con il mio Paese d'origine. Oggi vivo in Uganda e le religiose continuano ad aiutarmi nel mio percorso di reinserimento lavorativo e sociale".

Sophia ha lottato contro un matrimonio forzato: "Ho 33 anni e sono originaria della Bielorussia. La mia famiglia era povera ma felice. Tutto è cambiato quando sui social media ho conosciuto un uomo che viveva in California. Dopo un periodo di conversazioni in chat è venuto a trovarmi e poi mi ha proposto di sposarlo e trasferirmi da lui. Ma all'euforia dei primi mesi seguirono le violenze: dovevo obbedirgli completamente, anche nella nostra vita sessuale. Mi resi conto lentamente che il nostro non era un vero matrimonio ma un modo per ottenere denaro, avere una domestica a tempo pieno e un corpo su cui sfogare aggressività e rabbia. Una mattina ho chiamato una cooperativa e tramite loro sono riuscita a scappare. Mi hanno detto che ero vittima di 'schiavitù per corrispondenza' e mi hanno affidato a una casa-rifugio gestita da suore, dove mi sono finalmente sentita al sicuro. Ho potuto frequentare la scuola, mi sono iscritta all'università e lì ho conosciuto il mio nuovo marito. Ora ho una famiglia felice. Sono rimasta in contatto con le suore che mi hanno aiutato a guarire. Ci scriviamo spesso e condivido con loro momenti importanti. Sono diventata cittadina americana lo scorso anno".

Mihaela, dopo essere stata vittima di violenza, ha deciso di studiare legge per aiutare altre donne ad uscire dall'incubo: "Avevo 19 anni quando, dopo aver finito il liceo in Romania, decisi di andare a lavorare in Germania per tre mesi da una 'famiglia seria'. Così l'aveva definita la mia amica Amalia. Con il guadagno mi sarei pagata l'università. Ero già stata accettata dalla facoltà di scienze politiche. Una volta arrivata in quella casa mi accorsi quasi immediatamente che qualcosa non andava: non c'erano giocattoli, eppure Amalia aveva detto che la famiglia aveva tre figli. Non appena lei andò via, tre uomini entrarono in casa, mi picchiarono, abusarono di me e poi mi portarono in un bordello dove fui costretta a prostituirmi ogni giorno, dalle 7 di sera alle 5 del mattino. A volte ricevevo anche 15 clienti al giorno. Ora quegli stessi trafficanti sono in prigione e dovranno restarci per almeno 7 anni. Per questo devo ringraziare una Ong e le sorelle di Talitha Kum che si sono prese cura di me".

Paola, da guerrigliera-bambina è diventata imprenditrice: "Colombiana, e provengo da una famiglia di contadini, coltivatori di caffè e canna da zucchero. Sono stata rapita dalle Farc, le forze armate rivoluzionarie della Colombia, quando ero solo una ragazzina e fin dal giorno dopo fui costretta a indossare un'uniforme: era di un militare che era stato ucciso dai guerriglieri. In questi anni ho subito lavori forzati e sfruttamento sessuale. Avevo diversi obblighi: sorvegliare il campo, tagliare la legna, prendere l'acqua dal fiume, cucinare. Ma anche caricare gli esplosivi e sollevare trincee a difesa degli attacchi nemici. È stato solo grazie a Talitha Kum se sono riuscita a scappare e a trovare supporto fisico e psicologico. Il ritorno alla società è un processo molto lento. È impossibile cancellare le violenze che ho dovuto subire durante la prigionia. Ma il mio cammino è aperto alla speranza da quando ho incontrato il mio attuale compagno, anche lui ex guerrigliero, oggi padre dei miei bambini".

Tra le tante storie di violenza e schiavitù finite bene, c'è anche quella di Somchai, schiavo liberato dalla prigionia del mare: "Ho 40 anni, molti dei quali vissuti insieme alla mia famiglia, in una baraccopoli in Tailandia. La mia vita non è stata facile. Non ho potuto studiare perché i miei genitori erano poveri, non avevo documenti ed ero e sono tutt'ora affetto da schizofrenia. Mi guadagnavo da vivere con la vendita dei rifiuti. Quando mi è capitata l'occasione di imbarcarmi su un peschereccio ho accettato la proposta, ero stanco di tanta povertà. Sognavo di girare il mondo. Purtroppo, mi trovai in una situazione peggiore di quella di prima: mangiavo poco e non riposavo mai".

"Anche il pagamento promesso - la testimonianza di Somchai - non è mai arrivato. Dopo alcuni mesi sono stato abbandonato in un'isola dell'Indonesia. Non capivo la loro lingua, ho sofferto molto. Ho cercato di fuggire ma è stato solo grazie all'aiuto di Caritas e poi di Talitha Kum se ho potuto riconquistare la libertà e tornare in Tailandia. Le religiose mi hanno aiutato a ottenere i documenti che non ho mai avuto e hanno seguito il mio caso, consentendomi di ottenere il risarcimento dei danni e di costruire una nuova casa, dove vivo con i miei genitori. Ho ripreso il mio vecchio lavoro e le sorelle di Talitha Kum continuano a sostenermi per vivere con dignità, nonostante la mia malattia".

Lucinda ha trovato il coraggio della denuncia: "Ho 25 anni e sono originaria dell'Amazzonia brasiliana. Avevo una vita tranquilla, un compagno e una figlia di due anni. I problemi sono cominciati quando mi sono separata e sono tornata a vivere con mia madre. Studiavo legge ed ero al quarto anno dell'università di Manaus ma non riuscivo a pagarmi gli studi. Così decisi di prostituirmi: non volevo perdere l'opportunità di un futuro migliore. Un giorno un ragazzo mi invitò ad andare a Georgetown, nella Guyana britannica. Mi aveva promesso un guadagno facile ma quel weekend di relax si trasformò in un incubo. Costringeva me e altre ragazze a prostituirci e ci pagava pochissimo. Volevamo scappare ma era impossibile. Per fortuna un cliente decise di aiutarci e ci portò in ambasciata, dove denunciammo gli abusi. Rientrata in Brasile, ho incontrato le sorelle della rete locale di Talitha Kum, Rede Um Grito pela Vida, che mi hanno fornito supporto psicologico ed economico. In quel periodo notai strani atteggiamenti nella mia bambina e facendo degli esami scoprii che anche lei era stata abusata. Le sorelle mi accompagnarono dalla polizia per denunciare le violenze. Grazie a loro io e mia figlia abbiamo potuto ricominciare una nuova vita".

Commenti
    Tags:
    donne schiavesuoresuore anti trattatratta schiavianti-trattaviolenzeroma





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Operato al cuore, manca un pezzo del pacemaker. Roma, Umberto I da brivido

    Operato al cuore, manca un pezzo del pacemaker. Roma, Umberto I da brivido

    i più visti
    i blog di affari
    Se Dublino scende a patti, l'accordo Brexit è più vicino
    di Bepi Pezzulli
    In libreria "Business Etiquette" le regole del fair play nel mondo del lavoro
    di Paolo Brambilla - Trendiest
    Il Consiglio Atlantico possibile risolutore del conflitto Turchia-Curdi
    di Mario Angiolillo

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.