A- A+
Roma
Droga, la “mafietta” del Tiburtino. Maxiretata con 300 carabinieri, 39 arresti

Trentanove arresti per i reati di associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, armi ed estorsioni, aggravati dal metodo mafioso e 46 provvedimenti di perquisizione tuttora in corso.

 

E' il primo bilancio di una vasta operazione antidroga dei carabinieri del Comando Provinciale di Roma che ha permesso di dare scacco alla “Cosa nostra” tiburtina, "un'organizzazione dai connotati mafiosi - spiegano gli investigatori - dedita principalmente alla gestione del monopolio del traffico e dello spaccio di sostanze stupefacenti, nell'area est della Capitale". In manette anche sei donne.
Circa 300 i Carabinieri del Comando provinciale di Roma, integrati dal Nucleo Elicotteri Carabinieri, dalle unita' cinofile e da militari dell'8 Reggimento "Lazio", impegnati nell'esecuzione dell'ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip del Tribunale di Roma su richiesta della Direzione distrettuale antimafia della Procura capitolina.

Il blitz e' l'esito di una lunga e complessa indagine, condotta dai Carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Tivoli, avviata nel febbraio del 2016: gli investigatori, superando un inaspettato muro d'omertà, frutto della forza di intimidazione dell'organizzazione criminale che gestiva le piazze di spaccio di Tivoli e Guidonia, sono riusciti dapprima a sequestrare un chilo di cocaina a due giovani "spacciatori", e poi a dimostrare che entrambi erano "disciplinati 'soldati' di una più ampia organizzazione, che ha nel suo nucleo dirigente persone legate dal vincolo di sangue, ed inseriti in un'ampia rete criminale di tipo piramidale".

L'organizzazione si era imposta nell'area est della capitale attraverso una serie di aggressioni e pesanti minacce ai danni di pusher concorrenti e di acquirenti insolventi, in alcuni casi si giungeva a violenti pestaggi dei malcapitati, ai quali veniva imposto il pagamento dei debiti di droga, esercitando un'azione di controllo del territorio con l'impiego di vedette.

Tra gli indagati anche un nome noto come quello dell'avvocato Francesco Tagliaferri, già presidente e attuale consigliere della Camera penale di Roma. Tagliaferri è infatti iscritto nel registro degli indagati per favoreggiamento personale continuato. "La tutela legale dei soggetti intranei al sodalizio è affidata da Cascalisci" (capo dell'organizzazione) "in via pressochè esclusiva all'avvocato Francesco Tagliaferri" - si legge nell'ordinanza di custodia del Gip, Maria Paolo Tomaselli, che aggiunge: "È emerso che Giacomo Cascalisci, capo indiscusso del sodalizio, cautellare si serviva dell'avvocato Francesco Tagliaferri per acquisire informazioni in merito all'arresto dei sodali, al chiaro fino di conoscere le contestazioni, gli elementi di prova, le eventuali dichiarazioni rese in sede di interrogatorio e il contenuto dei colloqui".

 

Tags:
drogaspaccioarmiromamafia del tiburtinocarabinieritivoliguidonia

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Bambino Gesù, “Fermate l'ospedale mostro a Palidoro”. L'appello ambientalista

Bambino Gesù, “Fermate l'ospedale mostro a Palidoro”. L'appello ambientalista

i più visti
i blog di affari
Pace fiscale, un atto civile e di welfare nazionale. Ecco perché
di Alberto De Franceschi
Migranti assunti per combattere il caporalato. E i giovani italiani?
di Diego Fusaro
Intervista sulla Cina. Come convivere con la nuova superpotenza globale.
di Paolo Brambilla - Trendiest

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.