A- A+
Roma
Falsi certificati per evitare controlli: 11 indagati. Anche due ispettori Asl

Pagavano funzionari della Asl per evitare controlli e guai igienico-sanitari. Scoperta associazione a delinquere, composta da ristoratori romani ed anche due ispettori.

 

L'indagine della Polizia Locale di Roma ha fatto emergere un sistema corruttivo che vede coinvolti decine di imprenditori romani nel campo della ristorazione ed il settore dei controlli igienico-sanitari. Un circuito illegale costituito da ricatti, consulenze pilotate, rilascio di documentazioni false da cui derivavano forme illecite di guadagno e vantaggi, a vario titolo, per tutti i soggetti coinvolti.

 

Oltre 800 pagine di informativa hanno ricostruito un’associazione a delinquere basata su un sistema di elusione delle verifiche sanitarie Asl e dei successivi provvedimenti sanzionatori: tramite una società di servizi, intestata al figlio di uno degli indagati, era possibile sanare irregolarità, anche gravi, con rilascio di false certificazioni per attività come bar, ristoranti, pizzerie, molte delle quali nel quartiere Prati e altre zone di Roma Nord.

In decine di casi gli esercenti venivano costretti dai due funzionari Asl a rivolgersi ad una determinata società di consulenza, presentata come unica soluzione per sanare le irregolarità ed in tempi rapidissimi. Peccato che il socio di maggioranza della società fosse proprio il figlio, B.A., di uno dei due tecnici Asl. Questo espediente avrebbe permesso così ai titolari delle attività di evitare multe salate ed i conseguenti provvedimenti di chiusura. Dati i numerosi vantaggi, gli imprenditori, in alcune situazioni, sembrerebbe abbiano avuto atteggiamenti compiacenti, non rendendo indispensabile una condotta costrittiva da parte dei funzionari Asl.

B.A. si presentava puntualmente dopo le irregolarità riscontrate dal padre, fornendo ristoratori tutte le indicazioni per ottenere, in brevissimo tempo la certificazione HACCP, tramite la sottoscrizione di un contratto con la sua società. In questo modo “avrebbero risolto tutto loro e lui (il padre) non sarebbe tornato”. La documentazione in tema di prevenzione sanitaria e falsi certificati, attestanti la frequenza ai corsi in materia di sicurezza alimentare, in realtà mai seguiti dagli operatori commerciali, venivano rilasciati e sottoscritti dall’altra socia, G.S. Tutte attestazioni emesse con data antecedente ai controlli. Ed è proprio questo il meccanismo alla base di un’associazione a delinquere, che per anni, ha permesso ai soggetti coinvolti di trarre vantaggi a danno della salute dei consumatori: i tecnici ASL, di fatto, svolgevano il ruolo di "procacciatori di clienti” per la società di consulenza sanitaria.

Il Gip del Tribunale di Roma, ha disposto la sospensione dell’esercizio di pubblico ufficio per i funzionari della Asl, B.M. e N.C., entrambi di anni 63, ed il divieto temporaneo di esercitare l'attività professionale per i due soci della società di consulenza, B.A. e G.S., nonché la cancellazione dal registro delle pubbliche imprese delle stessa. Su di loro pendono diversi capi di imputazione, che vanno dalla corruzione, alla concussione, al falso in atto pubblico fino all’omissione atti di ufficio con l’aggravante della pubblica funzione e dell’associazione a delinquere. Tuttora al vaglio degli inquirenti la posizione di altre persone che potrebbe portare alla luce una rete illegale ben più ampia, con il coinvolgimento di altri soggetti pubblici e non.

Tags:
soldifunzionariaslcontrolliristorantiromaispettoriigienecorruzioneassociazione a deliquereconcussione


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Bambino Gesù, “Fermate l'ospedale mostro a Palidoro”. L'appello ambientalista

Bambino Gesù, “Fermate l'ospedale mostro a Palidoro”. L'appello ambientalista

i più visti
i blog di affari
Migranti assunti per combattere il caporalato. E i giovani italiani?
di Diego Fusaro
Intervista sulla Cina. Come convivere con la nuova superpotenza globale.
di Paolo Brambilla - Trendiest
Algeria, e ora chi risarcirà Scaroni e l’Eni?
di Angelo Maria Perrino

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.