A- A+
Roma
Fatture 28 giorni, il Tar conferma: "Riborsi per 2 miliardi entro fine anno"

Niente sconti per gli operatori telefonici che hanno  fatto ricorso, il Tar del Lazio conferma i provvedimenti Agcom ed avverte: "Rimborsare entro fine anno il riborso dei clienti".

 

 

Tim, Vodafone, Fastweb e Windtre avevano infatti impugnato davanti al tribunale amministrativo la delibera n. 269/18/CONS, di telefonia fissa, per un numero di giorni pari a quelli "erosi" a partire dal giugno 2017 e sino ad aprile 2018 - quando le maggiori compagnie telefoniche ridussero a 28 giorni cadenza di fatturazione e rinnovo dei servizi, rispetto al canonico mese. Niente sconti o scappatoie quindi, gli utenti venti diritto potranno a breve toccare con mano i rimborsi delle compagnie. Rimborsi che, secondo il Movimento Consumatori, ammonterebbero in totale  2 miliardi di euro.

Una sconfittà sì, ma solo a metà per le compagnie. In una sentenza parallela il Tar ha difatti anche annullato le sanzioni comminate dall'Agcom ai danni di Tim, Vodafone, Wind Tre e Fastweb e che ammontavano ad un totale di 4,4 milioni di euro (1,1 milioni di Euro a testa).

“Si tratta di un provvedimento di centrale importanza - affermano Paolo Fiorio e Corrado Pinna, legali che hanno assistito l’associazione Movimento Consumatori davanti il tribunale di Milano e davanti al Tar Lazio - che si aggiunge alle ordinanze cautelari del tribunale di Milano che a giugno scorso ha inibito l’utilizzo delle clausole di fatturazione a 28 giorni, dichiarando l’illegittimità e la scorrettezza dei comportamenti dei principali operatori telefonici. La delibera dell’Agcom è il primo caso nel quale un’Autorità indipendente arriva ad imporre il ristoro dei consumatori lesi, con una soluzione innovativa, adeguata per assegnare un’efficacia deterrente all’operato dell’Autorità e un vasto risarcimento a milioni di consumatori che hanno subito danni di modesta entità individuale, destinati altrimenti a non essere risarciti".

“Ora speriamo che le compagnie - dice Alessandro Mostaccio, segretario generale 'Mc' - abbandonino definitivamente la strada dello scontro giudiziario con consumatori, associazioni ed Autorità e adempiano spontaneamente e velocemente alle deliberazioni dell’Agcom. Movimento Consumatori, che ha seguito dagli inizi questa vicenda, vigilerà affinché tutti i consumatori danneggiati, compresi quelli che in questi mesi hanno cambiato compagnia, siano adeguatamente risarciti”.

Commenti
    Tags:
    fatture 28 giornioperatori telefonicitimvodfonetrefastwebtarconsumatoriutentiroma
    Loading...




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Rifiuti, A2A brucia Acea: inceneritore vista Capalbio, esplode rivolta local

    Rifiuti, A2A brucia Acea: inceneritore vista Capalbio, esplode rivolta local

    i più visti
    i blog di affari
    La geopolitica di Macron, Brexit il kick-off all'autonomia strategica UE
    di Bepi Pezzulli
    CHI HA TEMPO NON ASPETTI TEMPO
    di Angelo Andriulo
    Venezia,emblema della fragilità italica. Ma nell'estremo esce il meglio di noi
    di Diego Fusaro

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.