A- A+
Roma
Fiori dell'Appenino a rischio estinzione: Floranet in missione per salvarli

Sono 7 le specie di fiori bellissimi e fragili dell’Appennino abruzzese che rischiano di sparire a causa dell'uomo: Cypripedium calceolus, Adonis distorta, Androsace mathildae, Iris marsica, Astragalus aquilanus, Klasea lycopifolia e Jacobaea vulgaris.

 

Per proteggerle è nato il progetto Floranet Life che si occupa della salvaguardia delle specie vegetali grazie al cofinanziamento dalla Commissione Europea, che vede tra i partner il Parco Nazionale della Majella, il Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise e il Parco Naturale Regionale Sirente Velino, insieme a Legambiente e all’Università di Camerino.
Il piano prevede una riduzione dell’impatto turistico, la giusta informazione dedicata a chi visita i parchi e la sensibilizzazione dei visitatori per queste specie protette, grazie alla creazione di sentieri dedicati.

Per tutelare i “magnifici sette” e favorire la loro propagazione, da luglio 2016 ad oggi, sono stati realizzati diversi interventi: numerosi rilievi per la raccolta dei dati sui popolamenti delle specie nei tre parchi coinvolti, la predisposizione di un geodatabase da parte dell’Università di Camerino, un protocollo di ricerca con l'Università di Napoli per lo svolgimento di analisi citogenetiche sulla specie Iris marsica.

“Oltre un quinto del totale delle specie presenti nel nostro Paese sono a rischio di estinzione – ha dichiarato il responsabile del progetto Oremo Di Nino - Lo straordinario patrimonio di biodiversità che caratterizza l’Italia è spesso minacciato dalle attività antropiche, dal turismo, dallo sfruttamento delle nostre risorse, e se in passato sono stati realizzati progetti condivisi tra realtà diverse per la protezione di particolari specie di animali, questa è la prima volta che tre Parchi si uniscono per tutelate delle specie botaniche a rischio. Oltre alle attività dedicate alla propagazione delle specie, per aumentare la sensibilità nei confronti delle specie target del progetto, tutti insieme lavoreremo con l’obiettivo di realizzare una adeguata formazione nelle scuole e per diffondere una corretta informazione tra i turisti e nelle comunità locali”.
Per garantire la propagazione dei fiori è iniziata anche la raccolta semi di tutte le specie.
Il progetto ha coinvolto anche l’Università della Tuscia di Viterbo per una convenzione mirata alla micropropagazione delle specie Adonis distorta, Androsace mathildae e Cypripedium calceolus, mentre le attività vivaistiche sono seguite dal Giardino Botanico di Sant’Eufemia a Maiella.

Queste attività hanno ottenuto già notevoli risultati, con la riproduzione di Iris marsica proveniente da materiale vegetativo delle popolazioni localizzate nelle tre aree protette (520 piantine) e di Klasea lycopifolia (oltre un centinaio) ottenute da semi raccolti nel Parco Regionale Sirente Velino.

Per garantire un futuro fruttuoso ai “magnifici sette” ci si è avvalsi anche della Banca del germoplasma del Parco Majella con il supporto dell'Università degli Studi dell'Aquila, con la quale è stato siglata una convenzione quadriennale per lo svolgimento delle prove di germinazione. Al momento tutte le specie target sono state fatte germinare con successo anche se gli obiettivi sono stati raggiunti solo per l'Astragalus aquilanus, la Klasea lycopifolia e la Jacobea vulgaris.
Tra le specie più delicate, la Scarpetta di venere (Cypripedium calceolus) per la quale, grazie alla fecondazione manuale, si è ottenuto un leggero aumento della fruttificazione: un'azione fondamentale per permettere una riproduzione da seme, l'unica in grado di assicurare un futuro a questa pianta delicata.
Le azioni di Floranet Life, condotte dai tre parchi dell’Appennino Abruzzese proseguiranno ancora per i prossimi tre anni.

Tags:
fiori a rischionaturaambientefloranetappenninoabbruzzoflorauniversitàricerca




Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

L'Atac la licenzia, il Codacons la premia: Quintavalle romana modello. Il caso

L'Atac la licenzia, il Codacons la premia: Quintavalle romana modello. Il caso

i più visti
i blog di affari
Giuseppe Prinetti espone a Milano, in via Santa Marta 8a, il 27 e 28 novembre
di Paolo Brambilla - Trendiest
La presenza scenica: come può cambiare l’approccio al canto
di Giancarlo Genise
Comandare un robot con la forza del pensiero
di Maurizio Garbati

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.