A- A+
Roma
Fiumicino, negozi in cambio di opere pubbliche. La delibera “baratto”

Opere pubbliche mai realizzate barattate dal Comune con locali commerciali valorizzati a prezzi di mercato.

 

A Fiumicino, precisamente a Parco Leonardo, il gigante dai piedi di argilla del progetto di una città firmato dal Gruppo Leonardo Caltagirone che sognava una città del futuro, va in scena una follia urbanistica che premia il privato.

A meno di due mesi dalle elezioni per il rinnovo di sindaco ed esecutivo, la Giunta Montino non trova soluzione migliore all'assenza delle opere di urbanizzazione previste dal progetto che “barattarle” con i locali commerciali sfitti che il Gruppo ha ancora di proprietà all'interno del Parco con un'operazione border: invece di riscuotere le fidejussioni a garanzia delle opere di urbanizzazione previste dal progetto iniziale (il piano particolareggiato 231), dopo anni di attesa, ha deciso di passare al baratto.Traduzione: l'intero quartiere che avrebbe dovuto avere in cambio dell'edificabilità un centro medico, un centro amministrativo, un centro sociale, un centro congressi e la riqualificazione della parte horribilis della via Portuense, si ritroverà una serie di negozi nei quali dovrà investire per adattarli alle esigenze “sociali”, oppure diventare proprietario di un negozio da adibire a chissà cosa.

La storia ricorda un po' l'epilogo di piazza dei Navigatori a Roma e comincia nel luglio del 1998, quando una delibera regionale approva la variante che permette la nascita del gigante della via Portuense con vista sull'autostrada di Fiumicino. In cambio del cemento, il consorzio che dà il via ai lavori si impegna a realizzare opere di urbanizzazione per circa 95 mln di euro che salgono poi a 125 mln e spiccioli. Le opere “primarie” vengono realizzate mentre le secondarie attendono l'arrivo della crisi del mattone che blocca le vendite del complesso e di fatto anche il completamento delle opere. Così dopo una prima proroga della convenzione tra Comune e Consorzio, quest'ultimo nell'agosto 2016 (quattro mesi prima della scadenza) chiede una seconda proroga con scadenza nel 2023 bloccando  lavori che avrebbe dovuto già realizzare per circa 6 mln di euro.

Così la Giunta Montino “inventa il baratto di Parco Leonardo”, inserendo nella delibera approvata lo scorso 13 marzo, l'acquisizione di locali commerciali in cambio dei cantieri, in virtù di una legge regionale soprannominata “salva costruttori”, esattamente la legge 20 del 2014. Ovviamente tutto legale, se non che il Comune ora si ritroverà locali commerciali ai quali dovrà dare una destinazione e un allestimento rispetto alle funzioni previste.

Post Scriptum: i locali sfitti il Comune li acquisirà al prezzo di 2900 euro a metro quadro. Come se fossero nel centro di Roma. Un business lungimirante. Un primato da campioni dopo 15 anni di attesa.

SCARICA E LEGGI LA DELIBERA DEL COMUNE DI FIUMICINO

 

 

Tags:
fiumcinoparco leonardoesterino montinogiunta montinogruppo caltagironeopere pubbliche


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Roma, ecco la reggia dei Mormoni. Il credo in versione extralusso

Roma, ecco la reggia dei Mormoni. Il credo in versione extralusso

i più visti
i blog di affari
Ascolti, Giovanni Floris vola grazie ai laureati
di Klaus Davi
LUM School of Management Milano. Borse di Studio INPS per figli di dipendenti
di Paolo Brambilla - Trendiest
Brexit, nuovo referendum? Democrazia solo se si vota come vogliono le élite
di Diego Fusaro

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.