A- A+
Roma
Gomorra Capitale: arrestati i fratelli Esposito. Sequestri tra Roma e Nettuno

Arrestati i fratelli Salvatore e Genny Esposito, figli di un boss di Secondigliano. Sequestrati, tra Roma e Nettuno, beni per circa un milione di euro. Erano indagati per associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, aggravata dall’uso di armi.

Il decreto di sequestro dei beni finalizzato alla confisca, emesso dal Tribunale di Roma – Sezione Misure di Prevenzione su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia di Roma, è arrivato a conclusione di una serie di indagini patrimoniali, svolte dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Roma, che hanno rilevato come i fratelli Esposito disponessero di beni e avessero un tenore di vita del tutto sproporzionato rispetto al reddito percepito e dichiarato, tanto da far ritenere che tali risorse economiche provenissero da attività delittuose.

Gomorra Capitale arrestati i fratelli Esposito video
Gomorra Capitale: arrestati i fratelli Esposito. Sequestri tra Roma e Nettuno

Il procedimento di prevenzione è scaturito dall’esito degli accertamenti patrimoniali svolti nell’ambito di un’indagine, condotta nel periodo 2013-2016 dal Nucleo Investigativo di Via in Selci, che ha consentito di accertare l’esistenza a Roma di un’organizzazione criminale di tipo mafioso, dedita anche al narcotraffico, capeggiata dai fratelli Salvatore e Genny Esposito, figli di Luigi Esposito alias “Gigino Nacchella”, storico esponente del clan camorristico Licciardi di Napoli, Secondigliano. Il nucleo familiare si era stabilito dapprima a Nettuno e successivamente trasferito nella Capitale. Il 21 marzo 2018 erano state eseguite 19 ordinanze di custodia cautelare nei loro confronti.

Il sequestro riguarda un appartamento e due box a Roma, un locale commerciale ubicato a e Nettuno, un natante, diverse società, alcune fittiziamente intestate, circa 20 rapporti finanziari aperti presso istituti di credito e società di gestione risparmio in diverse regioni italiane, il tutto per un valore complessivo stimato di circa un milione di euro.

Commenti
    Tags:
    gomorraespositoarresticarabinierimafia







    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Ex Mercati Generali, ecco perché erano un grande imbroglio: la denuncia

    Ex Mercati Generali, ecco perché erano un grande imbroglio: la denuncia

    i più visti
    i blog di affari
    La “non categoria” politica di Salvini è (quasi) vuota
    di Ernesto Vergani
    Ius soli per distruggere la cittadinanza e creare nuovi schiavi da sfruttare
    di Diego Fusaro
    Xi Jinping in Italia? Una “distrazione” del nostro Paese in politica estera
    di Ernesto Vergani

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.