A- A+
Roma
Il lavoro finisce al cimitero. La Multiservizi protesta al Verano

Anche al cimitero si rischia il posto di lavoro. Dal 14 luglio, ventisette lavoratori della Multiservizi adibiti alla cura dei cimiteri capitolini rischiano di perdere l'impiego e per questo hanno manifestato davanti al Verano. Si tratta principalmente di dipendenti a tempo indeterminato, alcuni con contratti che prevedono il full time su dodici mesi annui, altri con contratti part time di quindici ore settimanali, su dieci mesi annui.
"Dal 14 luglio l'Ama è pronta ad affidare il servizio a una cooperativa privata che si è aggiudicata la gara con un ribasso del 53%” ha spiegato Daniele Rocchetti, portavoce dei lavoratori. “Questo si traduce in licenziamenti o, qualora anche ci fosse un reintegro, non potrebbe essere garantita la stessa continuità occupazionale. Inoltre c'è un piano di rientro, firmato in accordo con il presidente del Consiglio Matteo Renzi e con l'ex sindaco Ignazio Marino, che prevede la dismissione delle partecipate di secondo livello, tra cui la Multiservizi che è partecipata al 51% da Ama. L'accordo di dismissione impone però la salvaguardia dei livelli occupazionali ma finora non è stato preso in considerazione questo accordo". 
“Da oggi i servizi negli undici cimiteri capitolini sono fermi, quindi manifestiamo per noi ma anche per i cittadini” ha spiegato Diego, uno dei dipendenti, “andatevi a fare un giro tra qualche giorno a Prima Porta e vedrete i disagi". La manifestazione ha visto i lavoratori in protesta con striscioni dalle 8.30 del mattino dinanzi al cimitero del Verano, dove i lavoratori hanno incrociato le braccia. "Da oggi l'azienda ci ha messo in ferie forzate fino al 13 luglio in attesa dello sblocco di questa situazione” ha raccontato Valerio, “ma le speranze sono poche, perché la Multiservizi non ha fatto ricorso contro questa gara al massimo ribasso, cosa che invece fece anni fa nella stessa situazione".
Quest'anno la Multiservizi si è classificata però settima, con un 30% di ribasso, mentre anni fa quando ci fu il ricorso, convalidato in sede di Consiglio di Stato, era arrivata seconda, dietro alla Cooperativa 29 Giugno finita poi al centro dello scandalo Mafia Capitale. "Ieri c'è stato un incontro in Ama ma ci è stato detto che vanno avanti con l'assegnazione dell'appalto" ha aggiunto Rocchetti. “Adesso si attende la prossima settimana ma "intanto c'è un servizio pubblico che è fermo" ha concluso il portavoce.

Tags:
multiservizilavoratoricimiteridipendenticontrattorischioposto di lavoro
Loading...





Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Dalle Olimpiadi in poi il buio sullo sport romano. Cochi, Fdi: “E' il caos”

Dalle Olimpiadi in poi il buio sullo sport romano. Cochi, Fdi: “E' il caos”

i più visti
i blog di affari
Inps, l'iscrizione per il primo lavoro? Un vero e proprio percorso a ostacoli
di Tiziana Rocca
La banana con scotch di Cattelan coglie la bruttezza dei nostri tempi
di Diego Fusaro
Alla prima della Scala 3mila € per un biglietto e nemmeno un operaio
di Diego Fusaro

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.