A- A+
Roma
“Ignazio Marino incastrato”. L'ex sindaco affonda il Pd nel suo film-verità

di Massimiliano Martinelli


“Pur di cacciarmi mi avrebbero messo della cocaina in tasca”. Le parole di Ignazio Marino aprono il film-verità sul “caso scontrini”, una pellicola che l'ex sindaco della Capitale pubblicizza tramite la propria pagina Facebook senza rinunciare a qualche stoccata agli ex amici del Pd.

 

Il film indipendente di Francesco Cordio, autore e regista già in passato molto vicino a Marino, dipinge il quadro deprimente di una città divorata dalla corruzione, dove regnano compromessi politici e interessi economici. Ad opporsi a questo sistema mostruoso solo l'ex sindaco della Capitale, fatto fuori e pugnalato alle spalle dal suo stesso partito. Una lettura dei fatti, d'altronde, intuibile già dal titolo dell'opera: “Roma Golpe Capitale”. La pellicola copre l'intero arco narrativo dei 28 mesi di governo Marino, descritti e raccontanti attraverso le testimonianze di giornalisti, magistrati e politici protagonisti di quel periodo. Un film girato con lo stile del documentario, che si pone l'obiettivo di mostrare al grande pubblico la verità "occulta" dietro alle vicende avvenute dal 2013 al 2015.

 

A rilanciare e a promuovere il film, in programma a Roma dal 1 al 4 febbraio, è lo stesso Ignazio Marino, auto-esiliatosi dalla Capitale ma presente sui social. A neanche un mese dalla condanna di 2 anni in Appello, accusato di falso e peculato per la vicenda scontrini, l'ex sindaco torna infatti a parlare via Facebook, invitando pubblicamente i suoi fedelissimi ad andare al cinema. Nel suo post Marino parla di "film scomodo" e di una "missione interrotta", che sembrano aver lasciato aperta più di qualche ferita. Un'occasione per rompere il silenzio del proprio esilio negli Usa, ribadendo la propria innocenza, nonché per togliersi qualche sassolino dalla scarpa nei confronti del suo partito. Una forma di rivalsa verso quel Pd che lo ha scaricato in fretta e furia, quella città che non lo ha mai veramente capito fino in fondo e quel processo troppo "politico" a suo carico. Insomma, una pellicola verità, la sola capace di fare luce e riabilitarlo agli occhi dei romani: "È un film ignorato - per adesso - da tutte le tv e i media. È un film che dovrebbe essere visto con il cuore prima ancora che con gli occhi - scrive Marino sulla propria pagina Facebbok - perché parla a tutti".

Tags:
ignazio marinoinnocenteincastratopdsindacofilmcinemaroma

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Bambino Gesù, “Fermate l'ospedale mostro a Palidoro”. L'appello ambientalista

Bambino Gesù, “Fermate l'ospedale mostro a Palidoro”. L'appello ambientalista

i più visti
i blog di affari
Manovra, non Tria ma i tecnici del Mef nel mirino M5s: "Nascondono i soldi"
di Angelo Maria Perrino
Te lo do io lo spread
di Angelo Maria Perrino
Se Tria non condivide, si dimetta
di Angelo Maria Perrino

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.