A- A+
Roma
Iliad, blocco dal Comune di Roma: “Concorrenza sleale, rimuovete gli ostacoli"

Iliad bloccata dal Comune di Roma: l'ultimatum di AGCOM

Il Comune di Roma da più di un anno sta rimbalzando le richieste di Iliad in relazione alla possibilità di installare impianti di telecomunicazione mobile e broadband wireless access, stando a quanto riporta il Garante del Mercato e la Concorrenza. La vicenda si svelata in ogni dettaglio nell’ultimo bollettino dell’AGCM che dà 60 giorni di tempo per rimuovere le violazioni della concorrenza.

La denuncia arriva dall'edizione italiana di Tom's hardware, la rivista punto di riferimento nel mondo della tecnologia per chi cerca test sui prodotti, recensioni autorevoli, approfondimenti, tutorial e guide, diffusa in 12 lingue e in tutto il mondo.

Iliad bloccata dal Comune di Roma: che cosa è successo

In pratica tra settembre 2017 e ottobre 2018 l’operatore mobile, nel rispetto delle norme, ha avviato un dialogo con il Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica (PAU) del Comune di Roma che si è dimostrato infruttuoso. Come spiega l’AGCM si è consumato un balletto di dinieghi per moltissimi siti, anche quelli che non avrebbero previsto la realizzazione di nuove torri ma solo condivisione delle esistenti. Insomma, Iliad non ha potuto ampliare la propria rete mobile, pur correggendo progetti e richieste.

L’AGCM ha ritenuto l’azione del PAU in contrasto con il Codice delle Comunicazioni e ha ricordato che secondo la giurisprudenza “le disposizioni poste a tutela di siti sensibili sono legittime se comunque consentono una sempre possibile localizzazione alternativa e non determinano invece l’impossibilità della localizzazione e tanto deve avvenire a condizioni tecnicamente ed economicamente sostenibili”.

Non di meno, l’impossibilità di completare il processo di infrastrutturazione di Iliad non consente, sempre secondo il Garante, all’adempimento degli obblighi di copertura imposti dal MISE in relazione al rimedio concorrenziale stabilito dalla UE per la fusione di Wind e Tre.

La questione è giunta al capitolo finale negli ultimi mesi, ovvero quando a dicembre 2018 l’AGCM ha chiesto ufficialmente a Roma Capitale di porre rimedio a ogni criticità. La risposta, giunta a febbraio 2019, è stata nuovamente interlocutoria. E così l’AGCM si è vista costretta a disporre l’impugnazione degli atti dinanzi al TAR competente.

In sintesi, i clienti romani di Iliad dovranno attendere un’udienza del tribunale amministrativo per sperare di avere migliori servizi mobili sul territorio.

Commenti
    Tags:
    comune romatelefoniailiadagcomburocraziaripetitori telefoniatelefonia mobilemobile
    Loading...





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    AltaRoma 2020: via alle sfilate dei giovani con l'incubo dello smog

    AltaRoma 2020: via alle sfilate dei giovani con l'incubo dello smog

    i più visti
    i blog di affari
    Il Parlamento Ue distrugge l’identità: vietate le bandiere nazionali
    di Diego Fusaro
    Convegno Rotary: "Le sfide dell'Innovazione". Milano - Sabato 18 gennaio 2020
    di Paolo Brambilla - Trendiest
    CrowdFundMe Day a Milano. L'equity crowdfunding secondo Tommaso Baldissera
    di Paolo Brambilla - Trendiest

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.