A- A+
Roma
Il Pd? “E' un partito di tribù”. Morassut, tremano i Democratici

“Penso sinceramente che il Partito Democratico a Roma e nel Lazio, sia soffocato dal dominio delle cordate interne e abbia perduto la capacità di fare politica”. E ancora: “Penso che occorra allontanare il ciarpame di certe distorsioni che intossicano la vita interna e allontanano la partecipazione...”.
Chi scrive con una penna impietosa è Roberto Morassut, già assessore comunale all'Urbanistica, parlamentare Pd e alla sua seconda fatica letteraria. Dopo “Malaroma. Dal Modello romano al fallimento di Alemanno”, Morassut torna a scrivere di politica e lo fa trasformandosi in “fuoco amico”, una specie di autopicconatore che, ad un anno di distanza dall'elezioni di Ignazio Marino a sindaco di Roma, analizza criticamente e costruttivamente la crisi del Pd di Roma e Lazio.
Morassut guarda a Obama e poi affonda il coltello in quel poco di marxismo che c'è rimasto nei Democratici e partorisce “Roma 2.0” ovvero la speranza che si passi dal post-Pd al riformismo civico; dal modello Roma alla “Nuova questione romana”.
Con un linguaggio diretto, penna dritta e grande capacità di analisi politica, Morassut si scaglia educatamente contro il tribalismo. Nella prefazione c'è l'atto d'accusa che poi si sostanzia nelle pagine. A proposito di Marino si legge: “... un'esperienza che, una volta al governo e a contatto con la pratica, non sembra ancora del tutto essere riuscita a passare dalla propaganda alla politica”. Quindi l'analisi: “Questa debolezza è nella mancata lettura dei processi di cambiamento degli ultimi dieci anni..... una vita interna che a poco a poco si è spalmata su un tribalismo di potere che ha allontanato la politica imboccando la scorciatoia della raccolta del consenso non sulle idee e sui progetti, ma sulle affiliazioni di gruppo”. Conclusione feroce: “In sostanza abbiamo assistito a un inaridimento delle linfa vitale dell'organizzazine politica”. E se non fosse chiaro il rischio che il parito sta correndo di fronte all'onda renziana, Roberto Morassut chiarisce: “In molte realtà locali, si avvere che il Pd non esprime nitidezza ma appare soffocato da una mistura di cordate e di tribù interne che si confrontano solo sul potere, ma che sono lontane dalla politica e dalle cose reali. Questo problema esiste anche a Roma”. E indica la via romana: “Bisogna ripartire anche a Roma, superando i riti del tribalismo, ma anche quelli del conformismo burocratico”.
L'appuntamento con la prsentazione del libro di Roberto Morassut è per lunedì 29  settembre alle 17,30 presso la Casa dell'Architettura. Dialogheranno con l'autore i giornalisti Daniela Preziosi, Virman Cusenza e Sergio Rizzo.

Tags:
pdroberto morassutpd tribùzingarettimarino
Loading...





Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Bambini nella scuola degli orrori: maltrattamenti, due maestre ai domiciliari

Bambini nella scuola degli orrori: maltrattamenti, due maestre ai domiciliari

i più visti
i blog di affari
M5S, se si associa ai fucsia maggiordomi del padronato sarà suicidio
di Diego Fusaro
Berlusconi, sessismo da bordello. E la Santelli umilia tutte le donne
di Maurizio de Caro
Zingaretti annuncia il programma del Centrosinistra... La vignetta di Affari

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.