A- A+
Roma
Il piacere dei funghi in mostra all'Arancera: il knowhow per gustarli a tavola

Weekend alla scoperta di funghi e di boschi all'Arancera del Semenzaio di San Sisto a Porta Metronia. La mostra micologica di Roma, che giunge quest'anno alla XV edizione, risponde alle domande degli appassionati dei funghi più prelibati in tavola: come apprezzarli senza esserne avvelenati? come conoscere e difenderli nella salvaguardia della biodiversità ambientale? Che cosa fare dei funghi che crescono negli 82.000 ettari di verde agricolo o protetto di Roma, che fanno della Capitale una delle città più verdi d’Europa?


I visitatori lo scopriranno percorrendo i tratti di bosco ricostruiti e scoprendo i funghi nel loro habitat naturale, grazie alla pluriennale e proficua collaborazione tra Nuova Micologia e il Dipartimento Tutela Ambientale di Roma Capitale che ha permesso anche quest’anno di offrire alla cittadinanza uno spazio unico nel suo genere.

La mostra fonrnirà un quadro esaustivo sulle varie specie di funghi esistenti nel Lazio, sul loro habitat e informerà sulla loro commestibilità o pericolosità. Nelle scorse edizioni Nuova Micologia ha esposto in media circa trecento specie e anche in questa edizione i visitatori potranno esaminare i numerosi funghi commestibili, tossici nonché diversi velenosi e mortali. I visitatori saranno assistiti da esperti micologi che oltre a descrivere le specie esposte risponderanno alle diverse curiosità relative al mondo dei funghi: dai luoghi più adatti alla ricerca alle varie utilizzazioni gastronomiche.

I funghi sono un alimento prelibato e ogni anno in autunno i boschi si riempiono di cercatori più o meno esperti che vogliono raccogliere le specie migliori per preparare piatti delicati, evitando le circa 50 specie velenose presenti in natura, tra le quali la più conosciuta è sicuramente l’ovolaccio (Amanita muscaria) dal tipico cappello rosso a macchie bianche. E purtroppo non è raro che si verifichino pericolosi errori di identificazione con l'ovolo buono (Amanita Caesarea).

La visita alla mostra micologica offre anche l’occasione per conoscere l’Aranciera e il Semenzaio di San Sisto ove è possibile, con il permesso del Dipartimento e previo appuntamento, vedere e scoprire anche un luogo affascinante carico di storia, una stupenda area verde immersa nella città nei cui giardini vi sono alberi centenari e nelle cui serre vi sono specie rare. Nel Semenzaio è altresì coltivata la delicata collezione di azalee che ogni anno, nel periodo della fioritura è esposta lungo la scalinata di Trinità dei Monti a Piazza di Spagna, nonché una ricca e rinomata collezione di orchidee.

Tags:
funghimostraboschiaranceraporta metroniamicologiarischiveleno






Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Europee, Olimpia Troili sexy candidata Pd: "Foto in bikini? Nulla di male"

Europee, Olimpia Troili sexy candidata Pd: "Foto in bikini? Nulla di male"

i più visti
i blog di affari
Ambiente, Zingaretti e l'epico errore nei manifesti. Pd sempre più tragicomico
di Diego Fusaro
Siri-Raggi, Di Maio vince il piatto scoprendo così il bluff di Salvini
di Angelo Maria Perrino
Ancip. Curarsi con l'ossigeno: quando ricorrere alla medicina iperbarica - OTI

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.