A- A+
Roma
Il professore e il pazzo, prenotato l'Oscar: è la rivincita della cultura

di Fabio Carosi

Mel Gibson e Sean Penn prenotano gli Oscar 2020. E la rivincita della letteratura e della lingua sul delitto che il linguaggio dei social ha fatto dell'espressione scritta. Il professore e il pazzo, il capolavoro che arriverà nei cinema dal prossimo 21 marzo, segna la nuova primavera della cultura, quella dell'ambizione di fine Ottocento di scrivere un dizionario enciclopedico della parola, quella della tenzone letteraria.

Visto in anteprima da affaritaliani.it. Il professore e il pazzo è uno di quei film destinato ad entrare nella storia della filmografia, un capolavoro di cultura anglosassone ispirato dal romanzo di Simon Winchester che narra un'emozionante storia vittoriana basata sul principio del network: quello intellettuale, però, quello creato dal professo James Murray per il mastodontico progetto dell'Oxford English Dictionary, da realizzare chiedendo aiuto a tutti i letterati dello sconfinato Impero inglese.

Mel Gibson è il professore, Sean Penn il capitano dell'esercito americano imprigionato in un manicomio inglese dal quale, in preda a raptus di follia, spedisce le schede più importanti del dizionario. Salva il lavoro di Murray e il professore salverò la sua vita dalla follia convincendo un giovanissimo Churchill a rispedirlo negli Stati Uniti.

La storia è vera, il film è verissimo, emozionante e a tratti entusiasmante come la follia che regala energia a piene mani ai due protagonisti. E a dispetto dell'Inghilterra di fine 1800 la pellicola è di tremenda attualità. Non a caso il regista Shemran di fronte all'offerta di Gibson di adattare il libro ha commentato: “Le speranze, le ambizioni e le lotte del professore e del suo collaboratore non hanno solo una sorprendente simiglianza a quelle di Zuckerberg, Jobs e Gate, ma sono quasi un loro presagio. Non è un film d'epoca. È un film completamente attuale che sembra ambientato in un periodo precedente”.

Di più il cronista che è rimasto per 124 minuti incollato alla poltrona non si sente di scrivere per non anticipare. Una sola raccomandazione: andate a vedere un capolavoro della storia della civiltà al contrario e gioite per l'immenso bagno di cultura che la “banda di Gibson” regala alla storia. All'uscita leggete la pochezza di un tweet e gioirete ancora di più per quello che avete visto. Cast perfetto e sceneggiatura maestra. E' da Oscar.

EAGLE  PICTURES - IL  PROFESSORE E  IL  PAZZO - un film di P.B. SHEMRAN – con: MEL GIBSON , SEAN PENN, JEREMY IRVINE,  NATALIE DORMER,  STEVE COOGAN

Commenti
    Tags:
    il professoe e il pazzomel gibsonsean pennoscarmarck zuckerbergbill gatesteve jobscinematweet




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Atto di guerra a Roma: Il Pd di Zingaretti si dimentica l'emergenza casa

    Atto di guerra a Roma: Il Pd di Zingaretti si dimentica l'emergenza casa

    i più visti
    i blog di affari
    Salvini fa bene a temere l’accordo di Governo M5S-Pd
    di Ernesto Vergani
    Il Golden Power e i rapporti Roma-Pechino. Una dura prova per l'atlantismo
    di Mario Angiolillo
    Von der Leyen altra ancella del Bilderberg. Contro l'Italia e la Russia
    di Diego Fusaro

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.