A- A+
Roma
Il terremoto di Amatrice si trasforma in pellicola: in sala con “Il Bene Mio”

“Il Bene Mio”Amatrice entra ufficialmente in sala al “Cinema Paradiso” di Amatrice il prossimo 3 ottobre e racconta il terremoto che ha piegato la cittadinanza: diretto da Pippo Mazzapesa e prodotto da Cesare Fragnelli, il protagonista Sergio Rubini, nei panni di Elia, superstite in un paese fantasma. 

Amatrice, teatro recente di una tragedia scandita da scosse di terremoto che ha seppellito la storia di un paese, insieme alle vite dei suoi cittadini, diventa film, che verrà presentato in anteprima al “Cinema Paradiso”, appunto ad Amatrice, il 3 ottobre prossimo.

 

Applaudito in anteprima mondiale alla XV edizione delle Giornate degli Autori, come Evento Speciale Fuori Concorso, “Il Bene Mio” è il racconto, attraverso gli occhi del suo protagonista Sergio Rubini, nei panni di Elia, ultimo superstite del paese fantasma Provvidenza, all'indomani della tragedia consumata in pochi minuti, scanditi dalle scosse di terremoto di quel maledetto 31 ottobre del 2016, che spezzò la vita a 249 persone e spazzò via la storia del Paese, seppellendo sotto le macerie la fiducia nel futuro dei suoi abitanti. Con la partecipazione di Rai Cinema e la produzione di Cesare Fragnelli, il regista Pippo Mazzapesa firma il suo secondo lungometraggio e trasforma in pellicola la tragedia. Un passo importante per chi, a distanza di due anni, nonostante i ritardi e le inerzie di un'amministrazione politica sempre troppo lenta, crede ancora nella ricostruzione.

La coraggiosa iniziativa è stata salutata con entusiasmo alla 75^ Mostra di Venezia, alla presenza dell'Amministratore Rai Cinema Paolo Del Brocco che ha detto: “Rai Cinema ha un rapporto assolutamente speciale con Amatrice. Vero è che lo scorso anno si è impegnata a donare a Cinema Paradiso i film da proiettare, nella speranza di dare un po' di sollievo a questa comunità che ha subìto delle ferite profonde”. Secondo Del Brocco, l'importanza dell'affresco cinematografico che ritrae un'Amatrice sofferente, sta proprio nella necessità di tenere alta l'attenzione sull'opera di ricostruzione dignitosa che questa cittadina sta tentando di affrontare, cercando di combattere, oltre al problema della ricostruzione di un futuro possibile, anche quello del graduale spopolamento avvenuto dopo la tragedia.

“Il Bene Mio” dal 3 ottobre sarà dunque al cinema, e questo è senz'altro un segnale forte di quella volontà caparbia di chi su Amatrice non smette di puntare, come hanno fatto le realtà del settore che l'hanno sostenuta in questo racconto: Rai Cinema, la Regione Puglia e la sua Film Commission, ed il DGC Mibact.

Commenti
    Tags:
    amatriceterremoto amatriceil bene miocinema paradisosergio rubinirai cinema




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Brasiliane, culotte e slip: Miss Intimo, trionfa Eleonora, “quasi” carabiniera

    Brasiliane, culotte e slip: Miss Intimo, trionfa Eleonora, “quasi” carabiniera

    i più visti
    i blog di affari
    Shanghai lancia lo Star Market, ed è subito un grande successo
    di Paolo Brambilla - Trendiest
    Aste online, un fenomeno sempre più in crescita
    di Redazione
    Boris Johnson è un euroscettico, non un populista
    di Bepi Pezzulli

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.