A- A+
Roma
Il vino di Papa Bergoglio è un vero mistero. Il giallo enologico sul ritorno degli emigranti

di Patrizio J. Macci

L'immaginaria e misteriosa storia del vino di Papa Bergoglio, questo racconta il romanzo - anzi il "giallo enologico"- scritto a sei mani da Giacomo Fasola, Ilario Lombardo e Francesco Moscatelli "Il vino del papa - L'avventurosa storia del Ruché e il mistero della bottiglia scomparsa" pubblicato da Wingsbert House, un'azienda agricola che produce vino mentre attende che l'inchiosto dei libri si asciughi sulla pagina".
Il pre-testo è il furto di una bottiglia di vino rosso centenaria alla vigilia dell'arrivo del Papa in visita nella terra d'origine di un suo avo, il Monferrato, terre dove il vino è sempre e solo di colore rosso. Si parla delle langhe, i luoghi di Cesare Pavese e della Resistenza da dove partirono migliaia di italiani per emigrare in Argentina. Uno di questi, Mario il padre di Bergoglio, partì alla volta dell'Argentina e festeggiò il suo arrivo in nave proprio stappando una bottiglia di Ruché. Intorno a questa leggenda e a un documento che attesterebbe il fatto, si articolano le trame romanzesche di una pattuglia di produttori locali nei giorni antecedenti a una gara per il miglior vino prodotto.
La missione di sbrogliare il doppio enigma (l'origine del vino e la scomparsa della rara bottiglia) è affidata a un giornalista argentino, Manuel, anche lui figlio di emigranti e trasferito a Roma per braccare da vicino l'attività del papa nella formula "promoveatur ut amoveatur", dopo aver lavorato a una inchiesta scottante su un politico del suo paese. Il viaggio nella terra dove affondano le proprie radici diventa l'occasione per un viaggio interiore alla ricerca delle propria identità, per interrogarsi sulla vita vissuta.
Gli autori si divertono a mischiare alcuni personaggi mediatici della vita reale con fatti ed eventi  squisitamente romanzeschi. L'autista che bracca i pellegrini in cerca di potenziali sgranocchiatori, è degno di Fruttero e Lucentini. Il mistero del vino non viene svelato, perché sulla vera origine di questo "nettare" il mistero rimane fitto. Quando sta per estinguersi viene salvato in maniera rocambolesca da un prete e da una donna tenace e ostinata.
Letto in controluce il libro può essere una raffinatissima apologia del darwinismo sociale: con il tempo i soggetti più robusti, quelli che si adattano meglio all'ambiente, riescono ad emergere proprio come la vite del Ruchè che attecchisce anche su un suolo ostile. Come gli emigranti italiani, che da sempre partono per arrivare in altri paesi e spesso riescono a sfondare dando lustro alla nazione di origine. A volte ritornano, per diventare Papa.

Tags:
papa bergogliopapapapa francescovino del papa
Loading...





Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Spelacchio, il bluff di Natale: sesto albero più bello d'Europa, ma è un falso

Spelacchio, il bluff di Natale: sesto albero più bello d'Europa, ma è un falso

i più visti
i blog di affari
Le capitali europee meno gettonate da visitare a Natale
Johnson come Churchill: rilancia l'asse con gli Usa e si libera dell'Europa
La moltiplicazione dei genitori
di Annamaria Bernardini de Pace*

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.