A- A+
Roma
Incendio nel Tmb Ama di Rocca Cencia: impianto non agibile in breve tempo

Incendio nel Tmb Ama di Rocca Cencia: parte dell'impianto non sarà agibile in breve tempo. Ad annunciarlo è il sindaco Raggi sul suo profilo Facebook. Intanto la procura di Roma ha aperto un'inchiesta, al momento contro ignoti, per incendio colposo. E il pm Villani non esclude l'ipotesi sabotaggio. Legambiente: “Roma piomba all’anno Zero nella gestione del ciclo dei rifiuti”.

 

"Ieri sera un incendio è divampato all'interno dell'impianto di trattamento dei rifiuti di Rocca Cencia, nella periferia Est della città, dove viene trattato circa un quarto della spazzatura dei tre milioni di abitanti di Roma. Probabilmente, parte della struttura non sarà completamente agibile nel brevissimo periodo: stanno ancora verificando i danni". Così il sindaco di Roma Virginia Raggi sul suo profilo Facebook. "La magistratura farà le sue indagini - aggiunge - che si aggiungono a quelle sull'incendio dello scorso 12 dicembre che ha devastato e reso inutilizzabile l'impianto di trattamento dei rifiuti del Salario. Questi due erano gli unici siti di proprietà dell'azienda municipale di Roma e coprivano il trattamento della metà dei rifiuti della Capitale d'Italia. Attualmente ne restano attivi soltanto altri due che sono di proprietà privata. Questo incendio - conclude - è un colpo durissimo per Roma e per tutti i romani".

La conferma di quanto detto dalla Raggi arriva anche dalla stessa Ama che ha comunicato che una delle due linee di trattamento dell'impianto di TMB di Rocca Cencia resta al momento non operativa e non fruibile, così come buona parte della vasca di ricezione dell'impianto, che contiene materiali posti sotto sequestro cautelare dalla magistratura. L'altra linea di trattamento dell'impianto è invece ripartita.

La Procura di Roma ha intanto aperto un'inchiesta, al momento contro ignoti, per il reato di incendio colposo. Ma tra le ipotesi prese in considerazione dal pm Carlo Villani, c'è anche quella di sabotaggio. Il pm infatti ha intenzione di disporre una consulenza tecnica: l'obiettivo è quello di stabilire quale sia stata la causa dell'incendio.

La squadra mobile e gli agenti del Commissariato Casilino hanno avviato i primi accertamenti ma una delega più specifica potrebbe essere affidata dal magistrato anche ai carabinieri del Noe. Ciò che non sfugge agli investigatori è la sequenza di incendi che negli ultimi anni stanno colpendo gli impianti di Tmb: da quello all'interno della discarica di Pontina Ambiente a Roncigliano di Albano Laziale del 30 giugno 2016 a quello dell'11 dicembre scorso al Tmb Salario fino al rogo di ieri sera.

“Roma piomba all’anno Zero nella gestione del ciclo dei rifiuti - commenta Roberto Scacchi, presidente di Legambiente Lazio - già senza diffusione del porta a porta, senza nuove isole ecologiche, senza aumento della percentuale di differenziata, senza assessore all’ambiente e vertici Ama, senza impianti in costruzione e, da oggi, senza neanche più un impianto di proprietà per gestire almeno parzialmente l’enorme flusso di rifiuti prodotti. Un milione e settecentomila tonnellate annue di rifiuti totali e di questi, a causa di una diffusione della differenziata ferma da tre anni, un milione di tonnellate sono indifferenziato che al momento viene portato tutto in altri territori. Centocinquanta camion pieni di monnezza al giorno già andavano altrove, dopo l’ennesimo rogo andrà ancora peggio, con costi economici folli e costi ambientali assurdi per la collettività. Ci affidiamo agli inquirenti e alle forze dell’ordine per capire se c’è un disegno doloso dietro a quanto nuovamente accaduto, e se così fosse i responsabili dovranno essere assicurati alla giustizia. Intanto pagheremo tutti cara questa condizione penosa, causata si dagli incidenti ma soprattutto dalla sciagurata gestione del ciclo dei rifiuti da parte del Campidoglio, e durante i picchi di produzione della prossima estate, torneranno inevitabilmente i cumuli di rifiuti, con i rischi ambientali e sanitari che ne conseguiranno”.

Nel frattempo, Ama sta rimodulando i servizi sul territorio per limitare al massimo i disagi derivanti da questa nuova situazione contingente che colpisce in particolare il quadrante Est della Capitale. Potenziati, in questo frangente, i servizi dedicati alla raccolta differenziata. Dall'Ama l'invito ai cittadini a collaborare separando e conferendo correttamente i materiali riciclabili (contenitori in plastica, vetro, carta, cartone, scarti alimentari e organici) contribuendo così a ridurre gli stock di indifferenziata da raccogliere e avviare a trattamento.

 

Rifiuti, incendio nel Tmb di Rocca Cencia: brucia l'ultimo impianto Ama

Commenti
    Tags:
    rifiutiromafiammeamarocca cenciacapannoneincendioemergenza rifiutitmbtmb rocca cenciaraggilegambientepmincendio colposoindagini




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Fare soldi con le minicar: rubarle e poi simulare incidenti stradali fasulli

    Fare soldi con le minicar: rubarle e poi simulare incidenti stradali fasulli

    i più visti
    i blog di affari
    La debolezza iraniana e il muro americano
    di Niram Ferretti
    Sì all’ autonomia, ma il patrimonio intellettuale nazionale è unico
    di Ernesto Vergani
    Landini chiede legge su eutanasia. Ma i sindacati non lottavano per il lavoro?
    di Diego Fusaro

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.