A- A+
Roma
Incubo tasse: Roma la città più cara. "Irpef record, romani esausti"

Irpef e Imu alle stelle, le tasse sempre più incubo dei romani. L'Uil Lazio rivela la classifica che vede la Capitale in vetta alle città più care e attacca: "Pressione fiscale alle stelle, cittadini esausti".

 

Nuovo primato per Roma, che supera le grandi città italiane, tra cui; Bologna, Genova, Napoli, Palermo, Torino e Venezia. Il record della Capitale è però tutt'altro che fonte di orgoglio, ma, anzi, vero incubo dei cittadini, poiché a Roma si paga l'Irpef comunale più alta d'Italia: 396 euro contro i 352 della maggior parte delle città. È quanto emerge un’analisi del Servizio Politiche Territoriali della UIL sull’andamento delle tasse locali nel 2017, che ha stimato il gettito totale in valori assoluti. Per quanto riguardida il gettito medio pro capite, esso è riferito ad una famiglia composta da 4 persone con reddito complessivo di 44 mila euro. A livello di singole tasse, per l’Imu/Tasi a Roma ogni famiglia ha pagato in media 1.563 euro. Seguono Milano (1.333 euro), Torino (1.321 euro), Bologna (1.277 euro), Genova (1.232 euro).
 
Stando alle stime, è sempre la Capitale a rimanere in vetta alla classifica anche nel totale delle tasse pagate dalla famiglia campione: ben 3.028 euro, contro i 2.066 della media nazionale. Media che è stata comunque superata anche in altre città della penisola: Torino con 2.993 euro, Genova (2.778 euro), Alessandria (2.724 euro), Napoli (2.684 euro), Pisa (2.684 euro), Milano (2.571 euro).
 
“Un primato di cui non andiamo certamente fieri - dichiara il segretario generale della Uil di Roma e del Lazio, Alberto Civica - soprattutto in una Capitale dove i servizi alla persona sono sempre più ridotti al lumicino e il welfare è oramai inesistente. Una città che non si può certamente dire stia brillando per efficienza, manutenzione e produttività. Basta osservare le nostre strade, i quartieri anche centrali divenuti discariche a cielo aperto e i continui rinvii su qualsiasi argomento”.
 
 
“A Roma però la pressione fiscale è alle stelle e i cittadini non reggono più - continua Civica - Che fine ha fatto, ad esempio, la rimodulazione del debito di Roma? La ricontrattazione degli interessi? Attendiamo risposte in merito sia dal Governo sia dal Campidoglio. Così come siamo ancora in attesa di incontrare l’assessore al Bilancio Lemmetti che conosciamo solo in foto. Inoltre, in merito alla tassazione, è indispensabile rivedere il principio e la base imponibile trasformandole da imposta a sovraimposta, cioè calcolando l’importo per Regioni e Comuni sull’IRPEF dovuta e non sull’intero imponibile fiscale. In questo modo, verrebbe garantito il principio costituzionale della progressività del prelievo”.

Tags:
tasseincuboromacararecordirpefserviziwelfareuil laziocampidogliom5s

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Rifiuti Roma, cinghiali banchettano tra l'immondizia dei quartieri bene

Rifiuti Roma, cinghiali banchettano tra l'immondizia dei quartieri bene

i più visti
i blog di affari
Pubblicità, la spesa mondiale sale sopra quota 600 miliardi di dollari
Migranti, un perfido sistema programmato di deportazioni di esseri umani
di Diego Fusaro
Sinistra, il nuovo grido glamour? "Più immigrazione"
di Diego Fusaro

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.