A- A+
Roma
La Giunta Raggi sgombera i Movimenti per l'acqua pubblica. Via dal Rialto

Sgomberato il Rialto San'Ambrogio: fuori tutte le associazioni che da anni ne avevano fatto la loro sede, ovvero quelle che compongono il Forum Italiano dei movimenti dell'acqua.

 

 

La Polizia di Roma Capitale è intervenuta per la riacquisizione dei locali del teatro Rialto, a due passi da Portico d’Ottavia. Il nucleo Fenomeno Degrado urbano e Sociale del I Gruppo Trevi ha eseguito un’ordinanza del tribunale di Roma e sequestrato il primo e parte del secondo piano dello stabile.

"È qui che si è fatta la storia del movimento dell'acqua che ha portato alla vittoria del referendum del 2011, spesso rivendicato dalla stessa giunta Raggi e dal Movimento 5 stelle. Evidentemente la loro prima stella si è prosciugata”, ha dichiarato con una nota  il Forum Italiano dei Movimenti per l'acqua-Decide Roma.

“Nessun contatto c'è stato con l'amministrazione Raggi nonostante le parole dell'assessore Mazzillo a cui chiediamo un incontro immediato. Sono mesi che insieme alla rete Decide Roma e a decine di associazioni ci siamo battuti per trovare una soluzione alla vicenda patrimonio del Comune di Roma e riordino delle concessioni e chiedendo il riconoscimento del valore sociale delle nostre attività in questi spazi, che come l'acqua non possono essere messi a profitto. La mozione approvata all'unanimità la scorsa settimana dall'assemblea capitolina deve trovare immediata applicazione con una delibera di giunta che blocchi gli sgomberi di tutti gli spazi e che restituisca il Rialto a coloro che ne hanno avuto cura in questi anni".

L'assessore al Bilancio e Patrimonio di Roma Andrea Mazzillo ha chiarito: “Venerdì verrà sottoposta all’approvazione della giunta una memoria che, sostanzialmente, recepisce l’ordine del giorno approvato all’unanimità dall’assemblea capitolina lo scorso 9 febbraio. Daremo mandato agli uffici di sospendere i provvedimenti di rilascio degli immobili dati in concessione per attività senza fine di lucro nelle more dell’approvazione del nuovo Regolamento sulle concessioni attualmente in discussione presso la competente commissione Patrimonio di Roma Capitale. In particolare, riguardo allo sgombero del Rialto in via Sant’Ambrogio, l’assessore ha spiegato che “si tratta di un’attività già programmata da tempo per riacquisire al patrimonio comunale un bene necessario allo svolgimento delle attività istituzionali del Municipio e ridurre quindi i fitti passivi a carico di quest’ultimo”. L’amministrazione si sarebbe attivata per individuare una collocazione alternativa a favore delle associazioni che operavano all’interno dell’immobile.

Tags:
virginia raggim5sacqua pubblicamovimenti per l'acquarialto sant'ambrogioghettoromasgombertiandrea mazzillo






Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Roma maratona, caos sul bando: il Comune assegna l'organizzazione ai privati

Roma maratona, caos sul bando: il Comune assegna l'organizzazione ai privati

i più visti
i blog di affari
Diciotti, nostalgici dell'Ancien Régime scatenati contro i "beceri" populisti
di Massimo Puricelli
LUM School of Management sede di Milano. Si inaugura l'anno accademico
di Paolo Brambilla - Trendiest
Genitori Renzi, i domiciliari? Regolamento di conti nella Sinistra
di Diego Fusaro

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.