A- A+
Roma
La mafia del palazzo occupato: chi non obbedisce viene sfrattato per 7 giorni

Un palazzo occupato gestito come se fosse una dittatura del Centro Africa oppure una cupola mafiosa: con doveri per chi ci abita, vessazioni, minacce e chi non sta al regolamento viene addirittura espulso a tempo da un comitato che decide anche chi deve e lavorare, quando e come. Succede a Roma in piazza Pecile, nell'ex palazzo ex Asl Rm C, occupato il 6 aprile del 2013.

Qui, nel paradosso dell'illegalità, l'etnia di occupanti che ha preso il potere quella degli africani, si è inventata persino un “regolamento interno” al quale le 45 famiglie che occupano lo stabile devono attenersi, pena lo sfratto per disobbedienza.

Il regolamento è semplice: intanto chi occupa deve pagare il cosiddetto “fondo cassa”, cioè la quota obbligatoria che va versata ad Action e che garantisce l'assistenza legale gratuita. E chi “per fame” non riesce, finisce all'indice, cioè sull'elenco appeso nell'androne del palazzo che elenca nome e cognome dei “condomini” in ritardo con i versamenti delle quote e il relativo debito. Sempre il fantasioso regolamento che profuma di ossimoro in un palazzo dove la costituzione di regge sull'anarchia, partorisce strani turni di lavoro: chi occupa viene chiamato dall'organizzazione a svolgere lavori esterni misteriosi, tra i quali anche l'assistenza per predisporre sopralluoghi finalizzati ad altre occupazioni. Il “foglio di lavoro” appare il venerdì sera con le convocazioni per il giorno successivo e chi non obbedisce finisce nella ista nera.

Oltre ai lavori esterni, la cupola che governa il palazzo, stila un foglio di convocazione in base al quale gli occupanti – anche se sono anziani 80enni, devono prestare la loro opera per turni di pulizie degli spazi comuni con tanto di avviso: “Le persone che non rispetteranno i turni di pulizie verranno “sansionate” con l'allontanamento dall'occupazione di 1 settimana”. In poche parole: chi non esegue il diktat della cupola, viene preso e sfrattato dallo speciale comitato interno che si trasforma in ufficiale giudiziario e solleva di peso la persona, decidendo che deve andare a dormire su un panchina.

Ma cosa è successo in uno dei simboli della città che chiede di avere un tetto? Nel temo gli occupanti italiani, etnia prima in maggioranza, si sono ridotto a un manipolo di 5-6 famiglie sul totale di 45 nuclei che vivono nel palazzo mentre la seconda etnia per numero, i sudamericani, negli ultimi anni hanno ceduto spazio e “potere” a africani e arabi, ormai n maggioranza.

Dunque, nel palazzo occupato, si è costituita una cupola mafiosa che governa l'anarchia attraverso un regolamento: chi non osserva la legge, è fuori. Con buona pace delle forze dell'ordine che da anni non mettono piede nel palazzo.

Commenti
    Tags:
    mafiaoccuopazionipalazzo occupatoactionafricani







    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Roma, rivolta Club Montecitorio. Gasparri: “Pallotta ceda a Caltagirone"

    Roma, rivolta Club Montecitorio. Gasparri: “Pallotta ceda a Caltagirone"

    i più visti
    i blog di affari
    Freedom di Roberto Giacobbo è alla seconda edizione, stasera su Rete4
    di Mariella Colonna
    Europee 2019, ci siamo: nella cabina elettorale Dio vi vede, Soros no
    di Diego Fusaro
    Cosa mangia Valentino Rossi
    di Anna Capuano

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.