A- A+
Roma
Lavoro, il Lazio ancora nel baratro. Cassa integrazione alle stelle. Roma +20%

La cassa integrazione nel Lazio è aumentata di oltre il 40 per cento nell’ultimo anno. A luglio 2018 sono stati quasi 15 mila i cassaintegrati nella nostra regione, contro i 10,5 mila dello stesso periodo dell’anno precedente.

Un incremento in totale controtendenza rispetto al panorama nazionale, dove le ore complessive di Cig sono fortemente diminuite (- 69% al Sud; -56% al Centro e -52% al Nord). Questi alcuni dati elaborati dalla Uil del Lazio in merito alla richiesta degli ammortizzatori sociali nella nostra regione.

Latina, Frosinone e Rieti le province più penalizzate tanto da rientrare nella classifica delle dieci città italiane con il maggior incremento di cig. Se il capoluogo pontino segna un aumento del 377% dovuto soprattutto all’impennata della cassa ordinaria, se la Ciociaria supera il +92% per effetto invece dell’incremento della cassa straordinaria, il reatino raggiunge cifre esponenziali, dovute soprattutto al mancato ricorso alla cig nel 2017.

Anche la Capitale non sta affatto bene: con circa 1.850 lavoratori cassaintegrati segna un +20% delle ore complessive. Nello specifico, ad aumentare sono le ore di cassa straordinaria (+31,4%) mentre calano quelle della cassa ordinaria e in deroga. Calo quest’ultimo che riguarda in realtà tutto il Paese per via delle recenti riforme che hanno portato alla sua abolizione.

“Nel Lazio si è venuta a creare una situazione a dir poco critica - commenta il segretario generale della Uil regionale, Alberto Civica - perché il ricorso alla cig aumenta nonostante la sparizione della cassa in deroga, il forte irrigidimento dell’utilizzo dell’ordinaria e della straordinaria e l’aumento dei costi di accesso per le imprese. Irrigidimenti normativi che hanno prodotto una flessione della cassa integrazione in quasi tutte le regioni italiane. Il fatto che nel Lazio la cig continui ad aumentare è purtroppo la conferma del perdurare delle criticità”.

Criticità che, per quanto riguarda soprattutto Frosinone e Latina, si manifesta anche nel confronto mensile: +32% le ore autorizzate di cig a Frosinone lo scorso luglio rispetto a giugno 2018 e +180% l’incremento nella città pontina.

È l’industria il settore più colpito, “a conferma purtroppo che se non si ricomincia a fare investimenti e non si programmano serie politiche di sviluppo, sarà difficile uscire da questa impasse e l’auspicata ripresa economica, soprattutto nella nostra regione, diverrà una meta sempre più lontana”, conclude Civica.

Commenti
    Tags:
    lavororomalaziocassa integrazioneciguil laziodisoccupazionecrisieconomia




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Brasiliane, culotte e slip: Miss Intimo, trionfa Eleonora, “quasi” carabiniera

    Brasiliane, culotte e slip: Miss Intimo, trionfa Eleonora, “quasi” carabiniera

    i più visti
    i blog di affari
    Shanghai lancia lo Star Market, ed è subito un grande successo
    di Paolo Brambilla - Trendiest
    Aste online, un fenomeno sempre più in crescita
    di Redazione
    Boris Johnson è un euroscettico, non un populista
    di Bepi Pezzulli

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.