A- A+
Roma
Le atrocità del delitto di Luca Varani. Film già visto si chiamava La Trasgressione

di Gabriella Sassone

“Mi sembra di stare in un film horror”, ha giustamente detto qualche giorno fa quel povero diavolo di Valter Foffo, padre di quel Manuel che con “l’amichetto” pierre imparruccato e vestito da donna Marco Prato ha messo fine in modo orrendo e incomprensibile alla giovane vita di Luca Varani. Un delitto che da una quindicina di giorni sta sconvolgendo l’opinione pubblica per le modalità, la violenza e i particolari raccapriccianti che via via emergono dalle indagini ancora in corso. Cose che noi umani abbiamo forse davvero visto solo nei migliori horror. Ci è tornato alla mente un film di 30 anni fa, catalogabile oltre il trash, oltre il B-movie pecoreccio, oltre lo splatter, oltre il sadico. Si tratta de “La trasgressione (Cattivi Pierrot)”: lo scrisse, producendolo e interpretandolo nel lontano 1986 Piefrancesco Campanella, all’epoca giovanotto di belle speranze con una cascata di riccioli neri. A farcelo tornare in mente è lo studioso di cinema Emanuele Pecoraro, autore del recente “Marco Ferreri, l’uomo contro”, saggio pubblicato dalla Lithos dedicato al cineasta scomparso, che ora sta ultimando la stesura di un libro dedicato proprio a Campanella, intitolato “Un artista fuori dal coro”.
“Sto visionando tutte le opere di Campanella e mi sono reso conto che lui aveva previsto tutto 30 anni or sono. La sua pellicola “La trasgressione” aveva anticipato in maniera incredibile le dinamiche criminali e le relative motivazioni psicologiche alla base dell’efferato omicidio di Luca Varani”, spiega Pecoraro.
“La trasgressione” è la storia di due giovani apparentemente “normali”, un uomo e una donna, venuti casualmente in contatto, che trovano sublime realizzazione nell’uccidere barbaramente persone che incontrano sul loro cammino, senza apparente motivo. L’assoluta gratuità dei loro gesti, in un contesto di banale quotidianità, è da ricercarsi nell’esigenza di dare una compensazione alle rispettive frustrazioni. Fragilità, alienazione, impotenza, mancanza di valori, incapacità di provare sensazioni, danno quindi la stura alla violenza più incontrollata. Il tutto “condito” con droga (in questo caso eroina iniettata in vena), stupri, orge, sangue, sevizie, torture, sesso estremo, perversioni varie e avariate. Qui di cadaveri alla fine se ne contano sette o otto.
E, udite udite, nel film debuttò come protagonista accanto a Campanella, nel ruolo di una ragazza ricca e viziata trascurata dal padre, una Milly D’Abbraccio appena 20enne. Ma già nuda. Ancora non si era data al porno, che scelse nel 1992, e non si era imbottita di straripante silicone alle tette, né aveva labbroni e zigomi a pallina da ping pong. Nature era davvero bella. Il suo “partner in crimes” era proprio Campanella, ragazzo complessato, eroinomane, vissuto con una madre castrante. I delitti compiuti dalla strana coppia erano una forma di rivalsa nei confronti della società ma anche un modo per sfuggire ai propri fallimenti, alle proprie frustrazioni, al malessere interiore che li divorava. Anche loro ammazzavano, torturavano e stupravano a casaccio, “per vedere l’effetto che fa”.
La storia all’epoca fece scandalo ed ebbe molti problemi con la censura, che riteneva la trama troppo inverosimile perché i delitti erano apparentemente immotivati. Alla fine uscì col divieto ai minori di 18 anni. Ma, qualche volta, la realtà supera la fantasia e la cronaca di oggi sta lì a dimostrarcelo. Purtroppo. Nel cast anche Claudia Cavalcanti e la dolce Rosanna Banfi anche lei per la prima volta sul grande schermo.
L’opera prima di Pierfrancesco Campanella ebbe grande riscontro all’estero e in tempi recenti è stata rieditata negli Usa in versione Dvd, col titolo “Transgression”, distribuito dalla CAV Distributing Corporation.

Tags:
luca varanimanuel foffomarco pratoemanuele pecorarofrancesco campanella




Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Tajani: “Forza Italia è mia”. Ciao Toti e Carfagna, “io mi faccio i congressi”

Tajani: “Forza Italia è mia”. Ciao Toti e Carfagna, “io mi faccio i congressi”

i più visti
i blog di affari
Morte Camilleri, è lutto nazionale. Ma gli avvoltoi cinici la strumentalizzano
di Diego Fusaro
AIPB. L’Associazione Italiana Private Banking rinnova le Commissioni Tecniche
di Paolo Brambilla - Trendiest
Nuove nomine per d.ssa Victoria Rowlands e avv. Cristiano Cominotto

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.