Fondatore e direttore
Angelo Maria Perrino

Lorenzin alla Regione Lazio, sinistra in rivolta. Smeriglio pronto a correre

Il “modello Roma” rischia il dissolvimento: il primo luglio arriva Pisapia a piazza Santi Apostoli per la sfida a Renzi

Lorenzin alla Regione Lazio, sinistra in rivolta. Smeriglio pronto a correre

Beatrice Lorenzin alla Regione Lazio e Nicola Zingaretti alla Camera dei Deputati a la sinistra romana è già in rivolta. A partire dal gruppo che fa capo a Massimiliano Smeriglio per finire con Stefano Fassina e l'intero mondo che ruota intorno ad Articolo 1-Mdp e Sinistra Italiana: è una galassia che solo a sentir parlare dell'ex forzista Lorenzin sgrana gli cocchi.

 


E se la sinistra regionale con le sue articolazioni romane che se pesate supererebbero ben oltre il risultato ottenuto da Fassina alle Comunali del 4 per cento, dice subito No all'ipotesi di concludere l'esperienza Zingaretti alla Regione Lazio, la rivolta contiene in sé anche l'alternativa: se Zingaretti decidesse di mollare, sarebbe pronto a misurarsi con gli elettori il vice Massimiliano Smeriglio. Una sfida diretta al Pd dei renziani e un'alternativa che finirebbe per frantumare il “modello Roma”.

Dagli “Smerigliani” arriva la conferma: “La prospettiva migliore per la sinistra è e rimane Nicola Zingaretti – dicono in coro - un'impronta storica di centro sinistra che ha lavorato e ha fatto cose ed è l'impronta di Smeriglio responsabile enti locali di Art 1 Mdp che l'ha attuata in 700 comune su mille in cui si è  andati al voto con una colazione di centro sinistra”. Dunque o la sinistra va unita anche alla Regione Lazio oppure da Roma partirà il colpo finale per la smaterializzazione dell'alleanza che una volta si chiamava Ulivo. Nessuna reazione ufficiale ma brusio infastidito: “Se Zingaretti dovesse decidere di non candidarsi – e sarebbe un errore tuona il gruppo Ex Sel – cambierebbe tutto e con Smeriglio anche se lavora sulla prospettiva è pronto a candidarsi perché la Lorenzin o altre “turbo renziane” andrebbero a rappresentare derive moderate che non c'entrano niente col modello di centro sinistra”. E l'occasione ìper la resa dei conti a sinistra arriverà con Pisapia che arriverà a Roma il prossimo primo luglio con l'appuntamento a piazza Santi Apostoli in cui verrà ufficializzata la sfida a Mattero Renzi.

E Stefano Fassina? Durissimo e schietto come sempre: “La Giunta Zingaretti ha disatteso i punti programmatici fondamentali e attuato politiche sbagliate a partire dalla privatizzazione della Sanità al finanziamento della Roma-Latina a pagamento,  quindi noi avremmo bisogno di una radicale discontinuità programmatica all'insegna dei principi costituzionali e dei beni pubblici e della salvaguardia dell'ambiente e in questo quadri la proposta di Lorenzin oltre ad evidenziare le difficoltà di Zingaretti per una sua rielezione, sono l'aggravamento delle politiche realizzate da Zingaretti”.

E l'ipotesi Smeriglio?
“Intanto è la predisposizione di un programma, tutto il resto viene dopo. E' evidente che chi ha avuto responsabilità di Governo fa fatica a contraddire l'impianto programmatico per il quale ha operato”.

Dunque lei è scettico?
“Ci sono evidenti contraddizioni tra le scelte di Zingaretti e le necessarie discontinuità per rispondere a problemi più acuti sempre della Regione”.


In Vetrina

Grande Fratello Vip 2, massaggi Jeremias-Tonon. E Cecilia con Moser... FOTO

In evidenza

Cristina Chiabotto è single Addio a Fulco dopo 12 anni
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare

Motori

Porsche 911 Carrera T, carattere sportivo

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.