A- A+
Roma
Mafia, allarme a Roma: shopping di ristoranti e hotel. La denuncia di Gratteri

Allarme mafia a Roma. Lo denuncia il procuratore della Repubblica di Catanzaro, Nicola Gratteri, che spiega: “Purtroppo la presenza delle mafie a Roma c'e' da 50 anni e più e c'è un accordo tacito tra le famiglie di 'ndrangheta più importanti di non costituire un locale, fare una struttura-base come c'è a Torino a Milano e nell'hinterland, o in Emilia Romagna, ma siccome è la capitale d'Italia, è una città aperta, ognuno può venire e fare business”.

intervenuto a 'Non Stop News' su radio Rtl 102.5, il Procuratore di Catanzaro ha aggiunto: “Roma è vasta e grande - ha aggiunto Nicola Gratteri - il centro storico dà mille opportunità di acquisto, di riciclaggio, soprattutto in questi 12 anni di crisi economica. Gli unici ad avere liquidità sono le mafie - ha detto ancora - in particolare la 'ndrangheta e in particolare questi che trafficano in cocaina e quindi stanno comprando alberghi, ristoranti e pizzerie, dove poi riciclano".Il procuratore della Repubblica di Catanzaro, Nicola Gratteri, è autore di un libro, 'Storia segreta della 'ndrangheta, una lunga e oscura vicenda di sangue e potere', edito da Mondadori, dove analizza la genesi del potere della mafia calabrese nel nostro Paese, e spiega che l'origine della diffusione delle mafie e' un "percorso che va da prima dell'Unita' dell'Italia a oggi.

"La domanda è - si chiede Gratteri - come mai dai ladri di polli si è arrivati alla mafia? Negli archivi di Stato c'e' la risposta: quando i detenuti politici rinchiusi nel carcere borbonico di Favignana, erano mischiati con i detenuti comuni, calabresi, campani e siciliani, questi criminali hanno copiato dalla politica tutto: pizzini e tutto ciò che serviva a non farsi intercettare. Poi c'e' stato l'abbraccio tra borghesia, aristocrazia e popolo. In ogni epoca c'è l'interessenza - ha detto ancora - cioé prima c'è appoggio dalla borghesia e legittimazione della mafia, poi vediamo la sottomissione attraverso il voto di scambio".Gratteri ha poi parlato della radice dello strapotere economico della 'ndrangheta: il commercio internazionale di cocaina. "La 'ndrangheta"- ha spiegato il procuratore - ha il quasi - monopolio dell'importazione di cocaina in Europa ed è l'unica mafia che acquista un chilo di cocaina con il principio attivo al 98% a minor prezzo in Amazzonia (a 1.000 euro invece che 1.800), in Colombia, Bolivia e Perù', gli unici Stati in cui si produce cocaina pura. Poi taglia la droga e ne fa dosi che costano 50 euro al grammo. Quindi - ha concluso - non esiste nessuna forma tra lecita e illecita più redditizia e con questi soldi stanno comprando tutto quello che si può comprare in Europa".

Commenti
    Tags:
    mafia'ndrangetagrattericatanzaroristoranti romahotel roma




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Regione Lazio, Zingaretti bacia l'M5S. “Datemi due tecnici come assessori”

    Regione Lazio, Zingaretti bacia l'M5S. “Datemi due tecnici come assessori”

    i più visti
    i blog di affari
    Grande successo per la serata ELIO ed Epson Moverio, all'Illy Caffè di Milano
    di Paolo Brambilla - Trendiest
    Gualtieri rilancia l'inganno verde. La way-out? Abbandonare il capitalismo
    di Diego Fusaro
    Salone Nautico di Genova. L'evoluzione elettrica del Cantiere Ernesto Riva
    di Paolo Brambilla - Trendiest

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.