A- A+
Roma
Mafia Capitale, mezzo mln di euro ai partiti in 1 anno. A Bettini 30mila euro

di Valentina Renzopaoli

Mafia capitale, mezzo milione di contribuiti in un anno regolarmente tracciati a tutti i partiti, a consiglieri comunali e regionali, dall'era Veltroni a quella Marino, e un trattamento “speciale” al “puparo” del Partito Democratico, Goffredo Bettini.

 

All'europarlamentare Salvatore Buzzi avrebbe versato 31mila euro, affinché gli procurasse un appuntamento con Gianni Letta, in realtà mai avvenuto, per intercedere nella gara del Centro di Accoglienza di Mineo. Soldi che sarebbero stati versati per associazioni e cene ma anche per saldare una parte della campagna elettorale delle Elezioni Europee spesi dal parlamentare del Partito Democratico.

L'ultimo pezzetto del gigantesco sistema corruttivo rivelato da Mafia Capitale, lo ha delineato Salvatore Buzzi durante l'interrogatorio fiume, in video conferenza dal carcere di Tolmezzo.

Al centro della storia c'è il suo rapporto con Luca Odevaine e l'idea di entrare nel grosso affare del Centro di accoglienza di Mineo, finito poi in un'altra maxi inchiesta.
“Luca Odevaine mi parlò per la prima volta di Mineo il 3 febbraio 2014, mi consigliò di mettermi in contatto con Bettini, affinchè potesse intercedere con Gianni Letta, il quale avrebbe dovuto parlare con Pizzarotti, il proprietario dello stabile di Mineo”, ha dichiarato ai giudici Buzzi.
“Ho chiamato Bettini alla vigilia delle elezioni europee, alle quali lui era candidato, all'incontro è andato come mio portavoce Carlo MariaGuaranay, vicepresidente della cooperativa. Bettini gli ha promesso un appuntamento con Letta. L'interessamento di Bettini mi è costato 21mila euro, tra soldi elargiti alla sua associazione e cene elettorali”.

Buzzi racconta che a questa somma si sarebbero aggiunti altri 10mila euro. “Dopo le Europee Bettini mi ha chiesto di pagare 30mila euro di debito per soldi spesi in campagna elettorale, alla fine ho accettato di pagargliene 10mila con fatture per prestazioni di operazioni mai avvenute. Sono indignato, in tutto 31mila euro per in incontro che non c'è mai stato”.
Buzzi descrive il rapporto che lo ha legato per alcuni anni a Luca Odevaine, un personaggio chiave dell'inchiesta, un uomo capace di “intrattenere relazioni ad altissimi livelli”, di alzare il telefono e parlare con sindaci, prefetti, cariche istituzionali e politiche di primo piano. Ex vice capo di gabinetto del sindaco Veltroni, ex capo della polizia provinciale ed ex componente del 'Tavolo di Coordinamento nazionale sull'accoglienza per i richiedenti asilo, svolgeva un ruolo di “facilitatore” nei rapporti.
Odevaine ha già patteggiato per corruzione una condanna a due anni e otto mesi di reclusione, oltre alla restituzione di 250mila euro, ritenuto il provento del reato.

“Odevaine mi serviva per intercedere affinché le istituzioni pagassero alle mie cooperative gli appalti in modo più veloce. Quando viaggiavo con lui mi sentivo un “presidente”, ci venivano a prendere e ci spostavamo con la scorta della polizia”. In cambio era stato fissato un corrispettivo di 5mila euro al mese.
“Su sua richiesta, invece di pagargli uno stipendio, mi resi disponibile a pagare l'affitto mensile di tre appartamenti di sua proprietà, per un totale di 5mila euro da febbraio 2012 a ottobre 2014. Gli appartamenti sarebbero dovuti essere a disposizione della Eriches per l'accoglienza degli immigrati ma in realtà non sono neanche mai entrato dentro a quelle case”.

Rispondendo ai giudici della decima sezione penale del tribunale, Buzzi ha anche aggiunto di aver pagato in nero una “tangente” di 10mila euro, nell'ottobre 2013, subito dopo l'aggiudicazione dell'appalto del Cara di Castelnuovo di Porto “per qualcuno che si era interessato”.

Tags:
mafia capitalesalvatore buzzigoffredo bettinipartitipdcorruzioneluca odevaine

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Bambino Gesù, “Fermate l'ospedale mostro a Palidoro”. L'appello ambientalista

Bambino Gesù, “Fermate l'ospedale mostro a Palidoro”. L'appello ambientalista

i più visti
i blog di affari
Twins e Giulia Nati alla Milan Fashion Week Women’s 2018
di Paolo Brambilla - Trendiest
Manovra, non Tria ma i tecnici del Mef nel mirino M5s: "Nascondono i soldi"
di Angelo Maria Perrino
Te lo do io lo spread
di Angelo Maria Perrino

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.