A- A+
Roma
Mafia Capitale, Sgarbi sfida la Procura: “Denuncio Pignatone, fango su Roma”

Mafia Capitale, Vittorio Sgarbi è una furia dopo la sentenza della Cassazione e si scaglia contro l'ex Procuratore di Roma Giuseppe Pignatone chiedendone l'incriminazione: “Ha calunniato la città. Presenterò un esposto. Deve essere processato”.

Dopo la sentenza della Cassazione che ha escluso inequivocabilmente l'associazione mafiosa, Sgarbi sfida la Procura di Roma e l'ex Procuratore Giuseppe Pignatone: “E' il trionfo della giustizia e della civiltà avere liberato Roma dalla umiliazione della mafia; ma adesso i colpevoli devono pagare. La diffamazione di Roma, infatti, ha avuto prezzi altissimi, fino a cancellarne persino il nome, non più Roma ma 'Mafia Capitale'. Il colpevole, per vanità, per superbia, per ambizione, ha invece un nome e cognome: Giuseppe Pignatone”.

Il deputato della Camera e sindaco di Sutri non usa mezze parole e tuona: “Questo magistrato calunniatore per erigersi il suo 'monumento', divenuto procuratore di Roma, ha valutato che era troppo piccola la dimensione criminale della città per la sua gloria di magistrato. Come nel mondo della diplomazia ci sono sedi tranquille e sedi 'disagiate', che comportano garanzie e prebende integrative per i diplomatici (Palermo e Caltanissetta, come Reggio Calabria, sono sedi dove la criminalità è radicata più che altrove, e ne deriva la fama e la grandezza di chi la combatte). Roma è, invece, una bella città con una criminalità ordinaria, forse addirittura più debole che a Milano, dove è pur nata Tangentopoli. Ed ecco allora il calcolo e il teorema di Pignatone: Roma deve diventare come Palermo, e la mafia criminale presente negli stessi termini, con la stessa violenza”.

Il silenzio di PIgnatone sui villini Anni 30
Sgarbi ricorda poi la vicenda delle distruzioni di alcuni edifici storici della Capitale e l'indifferenza proprio della Procura guidata da Pignatone: “Inutile chiedere, come io ho fatto con lui e i suoi sostituti, d'impedire, in via Ticino a Roma, la distruzione di un villino degli anni '30, negli stessi termini del sacco di Palermo: di quello non si è accorto, e ha così consentito il suo abbattimento favorendo, di fatto, la cupidigia e la speculazione di costruttori e architetti. Quello è stato il momento più simile ad analoghi episodi del sacco di Palermo, ma Pignatone ha voluto chiamare mafia la corruzione e la concussione, senza aggravanti o violenze, come accade in Sicilia”.

Sgarbi si chiede poi: “Come è possibile che la mafia sia stata riconosciuta a Roma solo in questi ultimi 7 anni, cioè da quando è arrivato Pignatone, con la sua smisurata ambizione, mentre prima tutti i procuratori e le forze di polizia non si erano accorti dell'esistenza della mafia? La mafia è un'espressione criminale strutturata, organizzata, molto seria, molto grave, capace di paralizzare e devastare una città e umiliarne l'economia, limitare gravemente la libertà politica, sociale, ed economica. La mafia uccide. Roma, come ha riconosciuto la Cassazione, ha avuto una criminalità ordinaria”.

Infine Sgarbi annuncia di voler procedere contro l'ex Procuratore: “Ho dunque deciso di presentare un esposto contro chi, per interesse personale, e per esaltare la propria immagine, ha mortificato, e con evidenti finalità personali, la reputazione di Roma, arrivando a rimuoverne anche il nome. Una operazione sistematica di umiliazione e diffamazione che ha danneggiato gravemente la città davanti al mondo”.

Loading...
Commenti
    Tags:
    mafia capitalemondo di mezzocarminatimassimo carminatimafia capitale cassazionemafia capitale sentenzamafia capitale condannemondo di mezzo cassazionemondo di mezzo romamondo di mezzo inchiestamafia416 biscarminati mafia capitalesalvatore buzzialessandra garronelorenzo alibrandisgarbivittorio sgarbipignatonesgarbi pignatone
    Loading...





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Vendo Roma per farci un b&b. La prossima generazione vivrà in periferia

    Vendo Roma per farci un b&b. La prossima generazione vivrà in periferia

    i più visti
    i blog di affari
    Alla prima della Scala 3mila € per un biglietto e nemmeno un operaio
    di Diego Fusaro
    Il progetto "Milano Città Stato" insignito dell'Ambrogino d'Oro 2019
    di Paolo Brambilla - Trendiest
    “Il Libraio”. Il nuovo libro dell'avvocato-scrittore sanremese Alberto Pezzini

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.