A- A+
Roma
Malata di leucemia, 7 anni senza trapianto: ora chiede 1 mln a due ospedali

Eleonora ha 31 anni, un quarto dell'esistenza trascorsa da un'ospedale all'altro, una laurea in Giurisprudenza in tasca, una voce da bambina e una forza da vera guerriera. Da oltre sette anni è malata di leucemia linfoide acuta: dopo una lunghissima odissea   ha intrapreso una causa civile nei confronti del Policlinico Umberto I e dell'Ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia per “negligenza e imprudenza e imperizia” e per “perdita di chance”, e per chiedere l’integrale risarcimento di tutti i danni subiti, patrimoniale e non patrimoniali.

L'incubo inizia nel 2009 quando le viene la malattia: Eleonora si affida al reparto di Ematologia del Policlinico Umberto I di Roma, dove viene immediatamente ricoverata per cominciare il protocollo terapico previsto per la sua patologia: quasi quattro anni di cure durissime comprensivi di cicli di radioterapia al cranio e chemioterapia. La sua vita viene sconvolta ma nell'agosto del 2012, alla fine del protocollo di cura, si accende una speranza: la malattia si conferma in remissione.

Eleonora tenta di riprendere le fila della sua giovanissima esistenza, ma non passa nemmeno un anno e, nel maggio 2013, dopo uno dei consueti controlli mensili  piomba di nuovo nel buio.
Si ricomincia da capo. Viene nuovamente ricoverata presso l'Umberto I, dove l'esito di una tac avrebbe rivelato la presenza di cellule leucemiche anche nell'ovaio sinistro. Le fanno la biopsia ma l'esito di questo esame le rimarrà sempre sconosciuto. La ragazza racconta: “Torno in ospedale ma per quindici giorni, in attesa del responso della biopsia, rimango in regime di mantenimento senza iniziare il protocollo”.
Poi parte la chemioterapia: l'obiettivo è quello di ridurre la presenza del “mostro” per consentirle, presumibilmente, di effettuate il trapianto di midollo osseo. Ma, alla fine della terapia, una complicanza epatica le impedisce di essere sottoposta all'intervento. Per fortuna però le cure hanno fatto effetto ed Eleonora sembra stia meglio. La ragazza prosegue quindi l'iter terapico con chemioterapie di mantenimento in regime ambulatoriale.

Arriviamo così all'inizio 2015: la ragazza è tenace e riesce persino a trovare un lavoro. Poi a maggio la terza ricaduta, terribile ed estenuante. Dai medici del Policlinico Umberto I arriva la proposta inaspettata: “Mi propongono di sottopormi ad una cura sperimentale immunoterapica che utilizza cellule killer per attaccare le cellule malate. Mi dicono che gli effetti a lungo termine sono ancora in parte sconosciuti e io in un primo momento non accetto. Ma poi, presa dallo sconforto, non vedendo altra soluzione dico di sì. Mi spiegano che si tratta di una “terapia ponte” necessaria per far regredire la malattia e arrivare finalmente al trapianto. Lo scrivono anche nella relazione clinica”.
E così riparte l'odissea: dopo il primo ciclo arrivano i risultati, la malattia è in regressione. Si procede con il secondo ciclo e a metà del percorso Eleonora inizia a chiedere informazioni sul trapianto. Ma nessuna risposta. “Aspetto ancora ma solo silenzio, poi dopo altre insistenze riesco a parlare con la trapiantologa dell’ospedale alla presenza delle ematologhe che mi avevano in cura e della psicologa che mi seguiva in ospedale. Ed ecco la rivelazione choc: “La risposta tanto attesa è: per il  trapianto non c'è posto”. Rimango allibita. Sapevo che c'erano almeno due donatori compatibili con me al 90%: la posizione dell'ospedale era  inspiegabile, soprattutto alla luce del fatto che la scelta di assumere un farmaco sperimentale, era stata dettata esclusivamente dalla prospettiva di arrivare al trapianto”.

Eleonora sprofonda nell'incertezza e nella disperazione. Ma ancora una volta reagisce: cambia ospedale. Entra al Santa Maria della Misericordia di Perugia per il trapianto di midollo da genitori. La mamma e il papà di Eleonora si sottopongono ad uno screaning completo, una miriade di analisi per un valore di circa 2mila euro. Ma anche in questo caso, il tempo passa dell'operazione nessuna notizia. “Cresce in me il terrore che la malattia torni, arriviamo al mese di dicembre ed sono ancora scoperta dai farmaci. Infatti il 14 gennaio le analisi dicono che la malattia è tornata. Sono sul punto di mollare, non ce faccio davvero più, dopo anni di tentativi la malattia è sempre lì, resistente a tutto ed io non vedo più via d'uscita”.
Alla fine Eleonora tenta l'ultima spiaggia: il San Raffaele di Milano, dove la riprendono per i capelli. Costretta ad una potentissima chemioterapia che provoca effetti collaterali di ogni tipo, lo scorso primo settembre Eleonora viene finalmente sottoposta a trapianto. E' il papà a donargli le cellule del suo midollo. Ora lotta per superare la fase post operatoria.

Leggi la news integrale su http://www.onanotiziarioamianto.it/wp/ona/malasanita/

 

Tags:
leucemiaumberto imalasanitàonaleucemia linfoidebonannisanta maria misericordiaperugiasan raffaele

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Roma, per un cordolo Atac il cantiere più lento del mondo. Esplode la rabbia

Roma, per un cordolo Atac il cantiere più lento del mondo. Esplode la rabbia

i più visti
i blog di affari
Germania, impazza l'ultradestra: AFD supera i socialisti e Angela Merkel trema
di Marco Zonetti
Milano. 2° Salone Internazionale della Canapa dal 28 al 30 settembre.
di Paolo Brambilla - Trendiest
Oli essenziali, ecco perché non puoi farne a meno
di Simone Michelucci

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.