A- A+
Roma
Maltempo, paura ai Castelli per l'uva. Pioggia e freddo: rischio emergenza

di Federico Bosi

Maggio ed il maltempo, paura ai Castelli Romani per le condizioni dell'uva. Se pioggia e freddo non daranno tregua, c'è il rischio che i grappoli smettano di crescere: in quel caso sarà emergenza.

 

Come Roma, anche i Castelli stanno vivendo questo maggio pazzo. Pioggia e temperature tipiche invernali si stanno abbattendo anche sulle viti dell'azienda vinicola Colle Picchioni, storica cantina di Marino e vera e propria eccellenza laziale. Al timone dell'azienda c'è Valerio Di Mauro, che ad Affaritaliani.it ha confermato che potrebbe esserci il rischio di uno stop della crescita del frutto.

Tutta questa pioggia che sta colpendo Roma ed il Lazio che ripercussione avrà sulla vostra produzione di vino?

“La situazione è complicata ma i primi effetti li vedremo tra qualche settimana. Per la nostra azienda le piogge continue come quelle di queste ultime settimane sono un problema perché utilizziamo solamente prodotti biologici da contatto. Siccome questi prodotti non vengono assorbiti dal frutto, la pioggia li manda via e l'acino rischia di rovinarsi.”

Temperature basse e sbalzi termici sono un problema per la crescita degli acini?

“Qui da noi le temperature sono scese fino a 3 gradi. Questo potrebbe creare un danno non tanto per la qualità del vino che verrà fuori ma per il grappolo stesso. Infatti il freddo potrebbe bloccarne la crescita. Qualora questo accadesse per noi sarebbe una tragedia. Gli sbalzi termici non sono un problema, anzi possono essere anche un bene.”

E per le viti?

“Il freddo non è stato un problema per la vite anche se il massimo sarebbe stato mantenere una temperatura del suolo leggermente più alta. Noi qui utilizziamo la tecnica dell'inerbimento che consistete nel lasciare intorno alla piante delle erbacce. Queste proteggono le radici dai batteri e dalle temperature più rigide. È per questo che le nostre vite risentono meno del problema freddo.”

Come stanno al momento gli acini?

“Gli acini al momento sono piccoli e durissimi, in linea con il periodo. Questo attualmente è un vantaggio per noi perché, in caso di una improvvisa grandinata, l'acino duro non si spacca e sarà quindi possibile utilizzarlo successivamente”.

Lo scorso inverno è stato secco e senza grandi piogge. Per voi è stato un problema?

“Assolutamente no. La vigna non ha bisogno di molta acqua quindi il basso flusso di piogge non è stato un problema”.

 

Pioggia e freddo a maggio, parla l'esperto: "Guardate che è un bene"

Commenti
    Tags:
    maltempopauraemergenzavinouvavitecastelli romanimarinocolle picchionivalerio di mauropioggiafreddomaggio




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Tassa sulla pipì a Roma: ecco chi ha inventato e difende la norma monstre

    Tassa sulla pipì a Roma: ecco chi ha inventato e difende la norma monstre

    i più visti
    i blog di affari
    Renzi e Salvini, se i leader politici sbagliano i tempi
    di Ernesto Vergani
    Tav, il Papa: “Opera strategica per molta gente”. Peccato che trasporti merci
    di Diego Fusaro
    Hollywood Milano. Unbroken Steel. Vili Gage ed ELIO protagonisti venerdì 20
    di Paolo Brambilla - Trendiest

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.