A- A+
Roma
Marcello De Vito arrestato, appello social degli amici M5S: “Scarceratelo”
Marcello De Vito

Marcello De Vito, l'ex presidente dell'assemblea capitolina arrestato per corruzione nell'inchiesta sullo stadio della Roma, in carcere da 82 giorni. Sui social ecco l'appello dei militanti M5S per la sua scarcerazione: “È innocente”.

 

“De Vito venga trattato come vengono trattati di solito dalla legge i seguenti cittadini italiani e stranieri sul suolo italiano quando vengono colpiti dal provvedimento di carcerazione post reato: truffatori, rapinatori, sfruttatori della prostituzione, spacciatori... Perché se dovesse essere trattato come questi galantuomini, dovrebbe uscire dal carcere e riabbracciare la sua famiglia ma soprattutto la sua bambina di 12 anni!”

È l'appello, a firma Hector Ettore, militante romano del Movimento 5 Stelle pubblicato questa mattina su Facebook, che in poche ore ha raccolto decine di like e commenti degli utenti del social network. Secondo i sostenitori di Marcello De Vito sarebbe eccessiva la misura di custodia cautelare inflitta all'esponente pentastellato.

De Vito, eletto con il Movimento 5 Stelle, secondo l’accusa avrebbe ricevuto tangenti dall’imprenditore Luca Parnasi, proprietario dei terreni di Tor di Valle su cui dovrebbe sorgere il nuovo stadio della Roma, in cambio della promessa di agevolarne la costruzione, e anche da altri imprenditori per altre opere della città.

Nel corso dell’inchiesta sullo stadio della Roma lo scorso giugno erano state arrestate nove persone, tra cui Parnasi e Luca Lanzalone, all’epoca presidente della società municipalizzata Acea, con l’accusa di associazione a delinquere, finanziamento illecito e corruzione. Dopo 37 giorni, lo stesso Parnasi aveva lasciato il carcere di Rebibbia su disposizione del gip che aveva disposto per lui i domiciliari. Scelta che rende tanto più ingiusta, secondo i sostenitori di De Vito all'interno del Movimento Cinque Stelle, quella di non concedere all'esponente grillino, dopo 82 giorni dall'arresto, misure alternative al carcere. I giudici in realtà erano stati chiari nelle motivazioni della decisione con cui hanno ribadito l'ordinanza di custodia cautelare: De Vito ha messo a disposizione degli imprenditori il suo ruolo, arrivando a "barattarlo" e ha utilizzato i suoi poteri e "funzione istituzionale" intervenendo "direttamente sugli assessori e funzionari" con lo scopo di “massimizzazione di profitti illeciti”.

Nei commenti del post di appello alla scarcerazione, c'è anche chi paragona il caso De Vito con quello che sta coinvolgendo l'ex Anm Palamara. “Perché Marcello in carcere e Palamara no?”, scrivono nei commenti. E il militante Hector Ettore risponde: “Già!! Perché..?? Ha lo stesso capo d'accusa di Marcello ma lui è in perfetta libertà! Ma sai che c'è un patto di non aggressione tra i magistrati..? Alla faccia della giustizia..”.

Commenti
    Tags:
    stadio romamarcello de vitocorruzionecarcerearresto de vitoriesameappellom5scampidoglioromafacebook




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Strage di delfini nel Lazio, trovato il 14° cadavere: è allarme moria

    Strage di delfini nel Lazio, trovato il 14° cadavere: è allarme moria

    i più visti
    i blog di affari
    Abbonamenti stadio a numero chiuso: miope scelta societaria
    di Massimo Puricelli
    FASHION TV premia Just Cavalli Porto Cervo come miglior club del 2019
    di Paolo Brambilla - Trendiest
    L'unica strada è ricucire con la Lega. Il M5s al bivio, rischio sparizione
    di Diego Fusaro

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.