A- A+
Roma
Marra, Sacarpellini e Casamonica: il generale de Vita lascia Roma per Milano

"Vado via con un forte arricchimento umano e professionale". Con queste parole il Generale di Brigata Antonio de Vita, lascia il Comando Provinciale dei Carabinieri di Roma per assumere l’incarico di Comandante della Legione Carabinieri “Lombardia”, con sede a Milano.

L'alto ufficiale, 59 anni e alla guida del Comando provinciale dei Carabinieri di Roma dal 7 settembre 2016, ha voluto salutare e ringraziare le istituzioni, i rappresentanti delle forze dell'ordine, della magistratura e i giornalisti e ripercorrere i momenti salienti dei due anni di permanenza alla guida del Comando Provinciale dei Carabinieri di Roma.

"Sono stati due anni nei quali abbiamo cercato di dare un contributo a questa bellissima città - ha detto de Vita - nella quale il lavoro svolto ci ha visto protagonisti insieme alle altre forze di polizia, alla Questura e alla finanza e con una diretta e piena partecipazione del Prefetto di Roma che ha vissuto insieme a noi tutti i problemi riguardanti la sicurezza. In questi due anni l'ambizione che ho cercato di portare avanti è stata quella di cercare di restituire qualcosa a questa città in termini di sicurezza e qualità della vita dei cittadini e i risultati li abbiamo ottenuti. C'è stata - ha aggiunto - una capacità di risposta in termini di controllo del territorio dal centro alle periferie. La criminalità organizzata esiste, ma in questi due anni abbiamo portato avanti attività di altissimo livello", che hanno consentito con molti arresti di sferrare un duro colpo alla criminalità organizzata: dal clan degli Spada a Ostia all'operazione "Gramigna" dello scorso luglio che ha messo in ginocchio il clan mafioso dei Casamonica.

"Inoltre - ha sottolineato ancora il Generale di Brigata - su questo fronte mi piace ricordare il grande rapporto avuto con la Procura di Roma che ci ha supportato e che ha coordinato le più belle indagini di questi due anni. Il Procuratore capo di Roma, Giuseppe Pignatone non ci ha fatto mai sentire soli e per questo lo voglio pubblicamente ringraziare. Vado via con un forte arricchimento umano e professionale, perché quando sono arrivato - ha raccontato - ero al mio terzo comando provinciale e non credevo di dovermi confrontare con una macchina così articolata e complessa e ho dovuto metterci impegno perché Roma è una città nella quale la complessità e l'interazione delle problematiche è tale che è stato necessario dare un contributo forte. Siamo attori sociali - ha concluso de Vita - e come tali dobbiamo essere sempre in grado di intercettare quelli che sono i bisogni della gente per migliorare la qualità della vita e questo lo si fa non soltanto quando si finisce sui giornali ma anche nelle nostre più lontane stazioni".

Giunto nella Capitale si è dovuto subito cimentare, con gli altri attori istituzionali, nell'organizzazione della sicurezza per gli eventi conclusivi del Giubileo della Misericordia e successivamente per il 60/mo anniversario della firma dei Trattati di Roma. Tra le altre operazioni più rilevanti e da ricordare sul fronte del contrasto alla criminalità organizzata: la "Eclissi" nei confronti del clan degli Spada, a cui è stato contestato di aver promosso, diretto e organizzato sul litorale laziale un'associazione di tipo mafioso; la "Hampa" del giugno scorso che, con 58 arresti, ha sgominato il clan dei Gambacurta che controllava lo spaccio, l'usura e l'estorsione nell'area di Roma Nord e la recente "Gramigna" contro il clan Casamonica.

Tra le inchieste, in questi due anni, figurano quelle che hanno portato all'arresto dell'ex capo del personale in Campidoglio Raffaele Marra, e dell'imprenditore Sergio Scarpellini per corruzione riguardo la costruzione del nuovo stadio della Roma. Uno dei momenti "più emozionanti" che de Vita ha voluto ricordare è la consegna del permesso di soggiorno a John Ogah, nigeriano 31enne che il 26 settembre del 2017 sventò una rapina in un supermercato alla periferia della Capitale affrontando un rapinatore armato di mannaia e permettendo ai carabinieri di arrestarlo subito dopo.

Commenti
    Tags:
    marrascarpellinicasamonicacarabinierigenerale de vitalombardiamilano





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Roma, Raggi in tv: “Senza il fango dei giornalisti voleremo”. Ma Fdi attacca

    Roma, Raggi in tv: “Senza il fango dei giornalisti voleremo”. Ma Fdi attacca

    i più visti
    i blog di affari
    Alimentarsi bene per stare in forma
    di Barbara Cappelli
    Andrea Enria alla presidenza della Vigilanza BCE
    La fronda grillina sul caso Ischia-Genova una minaccia per l’alleanza pentaleghista e per la stabilità del governo Conte
    di Angelo Maria Perrino

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.