A- A+
Roma
Mazzette in cambio di sentenze favorevoli: condannato giudice del Tar

L'ex giudice del Tar del Lazio Franco Angelo Maria De Bernardi è stato condannato per corruzione in atti giudiziari. La nona sezione penale del tribunale di Roma ha stabilito per l'ex magistrato otto anni di reclusione, uno in più di quanto chiesto dalla Procura, la confisca dei beni per un valore di 115mila euro e l'estinzione del rapporto di lavoro con il Tribunale amministrativo regionale.
I pm Stefano Pesci e Alberto Pioletti lo accusavano di essersi accordato, quando era in servizio presso la sezione II quater "in cambio della promessa di azioni di somme di denaro", con l'avvocato amministrativista Matilde De Paola "per indirizzare le parti processuali presso il suo studio legale, farla nominare quale difensore in procedimenti davanti al Tar del Lazio e per porre in essere in questi stessi procedimenti atti contrari ai doveri d'ufficio di volta in volta utili e necessari ai clienti della donna". L'avvocato De Paola era già uscita di scena dalla vicenda con un patteggiamento a tre anni e mezzo.
Condannato a 3 anni e 8 mesi di carcere (4 anni e 10 mesi avevano sollecitato i pm), anche Giorgio Cerruti: il suo ruolo era quello di intermediario affinché al giudice andassero 50mila euro per aggiustare un ricorso. La Procura, che aveva chiesto e ottenuto l'arresto di De Bernardi per questa vicenda, ritiene che il magistrato abbia commesso "indebite interferenze sui meccanismi di assegnazione, sulle procedure e sui contenuti delle decisioni che interessavano la De Paola nella redazione di proprio pugno di atti processuali destinati a procedimenti trattati dal Tar del Lazio o nell'ausilio alla redazione degli stessi nonché nell'esercizio di atti della propria funzione giurisdizionale con modalità dirette a far prevalere le pretese dei clienti della De Paola". Circostanze negate con fermezza da De Bernardi e ribadite in aula dal suo difensore, l'avvocato Massimo Lauro nell'intervento conclusivo prima che il tribunale si ritirasse in camera di consiglio per la decisione. Argomentazioni che, però il collegio, presieduto da Caterina Brindisi, non ha condiviso recependo “in toto” l'impostazione accusatoria.
De Bernardi e Cerruti sono stati pure dichiarati interdetti in perpetuo dai pubblici uffici, il primo anche legalmente per tutta la durata della pena. I due imputati dovranno risarcire poi in separata sede i danni, patrimoniali e non, lamentati dall'Avvocatura dello Stato che rappresentava, come parte civile, la Presidenza del Consiglio dei ministri.

Tags:
franco angelo maria de bernardigiudice tar laziotribunale amministrativomagistratocorruzionemazzettetangenti





Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Notte folle dei turisti ubriachi: svuotano alcool dentro Fontana di Trevi

Notte folle dei turisti ubriachi: svuotano alcool dentro Fontana di Trevi

i più visti
i blog di affari
Si può essere licenziati per una lunga malattia?
di Avv. Cristiano Cominotto
Prima o poi i catalani otterranno la secessione da Madrid
di Ernesto Vergani
Convegno a Milano su .. quando il fisco tace il debito è nullo

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.