A- A+
Roma
Medici aggrediti: molestie e violenza contro 7 dottoresse romane su 10

Sono sempre di più le donne che svolgendo la professione di medico vengono aggredite verbalmente o fisicamente sul posto di lavoro.

 

Il personale sanitario, indipendentemente dal genere è spesso vittima di violenze da parte dei pazienti, ma a Roma e provincia sono le donne a riscontrare problemi maggiori sul posto di lavoro.
Le dottoresse che almeno una volta nella propria carriera hanno subito almeno un episodio di questo tipo sono il 71% contro il 63,2% dei colleghi uomini: più di 7 su 10, insomma.

I profili più a rischio sono quelli dei medici donna più giovani e con un contratto a tempo indeterminato nei servizi di emergenza territoriale o nei servizi territoriali del Ssn.

È questo l'identikit che emerge da uno studio osservazionale nei medici dell'Ordine di Roma curato da Giuseppe La Torre e Mattia Marte, del Dipartimento di Sanità Pubblica e Malattie Infettive, Sapienza università di Roma e da Ernesto Cappellano, dell'Ordine dei Medici della Provincia di Roma.

In generale, tra uomini e donne, il 66,53% dei medici di Roma e provincia ha dovuto fronteggiare almeno un episodio spiacevole. E a correre più pericoli sono i medici impiegati nelle strutture territoriali del Servizio sanitario nazionale, nei servizi di emergenza territoriale, negli istituti previdenziali, mentre quelli meno aggrediti sono i lavoratori negli ambulatori privati e nelle forze armate. L'indagine ha considerato come aggressione non soltanto la violenza fisica ma anche la violenza verbale, le minacce e le molestie sessuali.

La violenza può avvenire, inoltre, anche tra colleghi, e non soltanto nel rapporto medico-paziente. “Il danno per l'individuo e per la collettività è concreto – spiegano gli autori dello studio - le aggressioni aumentano lo stress lavorativo e possono portare anche a giorni di assenza dal lavoro con inevitabili conseguenze sulla qualità delle cure nonché dei costi economici".

Il questionario, a partecipazione facoltativa, è stato somministrato via internet ai medici dell'Ordine. Ai medici veniva chiesto di rispondere a 30 domande che richiedevano informazioni anagrafiche, sul proprio lavoro, sull'eventuale fenomeno di aggressione subito e alcuni quesiti di opinione inerenti al fenomeno.
Meno del 5% del campione ha giudicato questo problema come “poco rilevante”. Un dato che dimostra come il livello di sensibilizzazione sul tema sia altissimo tra i professionisti.

 

 

Tags:
medicodottoreviolenzadonnamolestieaggressioniromaambulatoriospedalisanitàallarme




Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Da 34 anni in intimo hot: torna Miss Intimo, un premio alla bellezza assoluta

Da 34 anni in intimo hot: torna Miss Intimo, un premio alla bellezza assoluta

i più visti
i blog di affari
Nuove nomine per d.ssa Victoria Rowlands e avv. Cristiano Cominotto
Camilleri e la Sicilia immaginaria (tenera e irritante) di Montalbano
di Maurizio de Caro
Tette e culi in copertina fanno vendere di più? Lo spiega l'antropologo
di Mariella Colonna

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.