A- A+
Roma
Migranti, finta rivolta a Rocca di Papa. Cori contro e welcome: tutta fuffa

di Fabio Carosi

Rocca di Papa in rivolta per l'arrivo dei migranti della Diciotti è più un fenomeno da social che una realtà. Per cento migranti destinati ai Castelli Romani, fuori dal cancello di Mondo Migliore, altrettanti manifestanti divisi tra sostenitori dell'accoglienza e contrari.

Due fazioni divise dallo spiegamento di agenti di Polizia, Carabinieri e blindati che fanno tanto rumore per nulla. E i momenti di tensione sono stati limitati ai cori e all'esposizione di magliette e tricolore che hanno diviso pensiero e azioni dei contendenti: da una parte simpatizzanti di sinistra, dall'altra gli immancabili di Forza Nuova e di Casapound guidati da Enrico Della Pittima, Davide Di Stefano e Luca Marsella che hanno trovato un'occasione per una gita fuori porta. Come in ogni manifestazione che si rispetto, saluti fascisti a parte, è il numero che fa la differenza: centinaia per gli organizzatori, sommando anche i simpatizzanti del collettivo Ops di Genzano e sparuti iscritti all'Anp, molto meno di cento in tutto per i funzionari di polizia a fare da spettatori e a spingerli lontano dalla strada all0'arrivo dei pullman.

Il commento di un agente in divisa, sottovoce la dice lunga sull'eco mediatico che avrà la “Rivolta di Rocca di Papa”: “Tutta fuffa messa in piedi da gente che a Roma forse non aveva di meglio da fare”, in una serata in cui a Rocca di Papa intorno alle 22 è ora di mettere la felpa, perché si sa, ai Castelli in estate dopo il tramonto l'aria è frizzantina.

In totale la “pantomima” di Casapound, sovranisti e nuovi forzisti e dall'altra pare le magliette con “welcome” indossate come risposta alla paura dei migranti, dura il tempo di far arrivare i due pullman con 98 uomini e 2 donne e quanto basta per fotografi e tv. Una goccia nel mare di Mondo Nuovo, abituato ad ospitare ben altri flussi. Alle 22,30 è quasi tutto finito. Lo sanno bene gli abitanti di Rocca di Papa che l'aria frizzante diventa fredda. Anche se è il 28 agosto. Se fosse stato gennaio a Rocca di Papa il termometro sarebbe sceso a “meno tanto”. Buono per curare la febbre che ha spinto alla gita fuori porta. Unico obiettivo: dare un segno ai militanti dei social e scattare foto a documentazione della rivolta delle chiacchiere.

Visto che Casapound ama i Castelli Romani, una nuova prova di forza da 20 militanti in preghiera anti-migranti è attesa anche per oggi.

Commenti
    Tags:
    migrantinave diciotticasapundsovranistiforza nuovarocca di papaanpcollettivo genzanosocial


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Basta nudo di donna, l'arte delle fotografia va oltre il Frutto Proibito

    Basta nudo di donna, l'arte delle fotografia va oltre il Frutto Proibito

    i più visti
    i blog di affari
    Le marchette di Maurizio Martina
    di Angelo Maria Perrino
    L'Associazione Milano Vapore propone programmi culturali innovativi in città
    di Paolo Brambilla - Trendiest
    La vignetta: quelli del Pd? Bestie rare...

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.