A- A+
Roma

di Claudio Roma

Lavorava per le Ferrovie, precisamente per Rfi, la società delle infrastrutture. Poi si è ammalato di asbestosi. Quindi la morte. Una tragedia per la famiglia e i colleghi di lavoro.
Dopo anni di battaglie giudiziare, la sentenza pesantissima: per l'esposizione all'amianto di A. C., gli eredi avranno dalle Ferrovie un risarcimento di circa 750 milaeuro. In particolare 225 mila euro sono la quantificazione del danno per l'uomo; 144 mila euro a ciascuno dei due figli e 235 mila euro alla vedova, privata del marito e con una vita distrutta dal dolore per una responsabilità di Rfi, riconosciuta con la sentenza 6817 della Corte d'Appello di Roma, sezione Lavoro Presidenza e Assistenza.
Il collegio composto da Giovanni Pascarella, presidente e dai consiglieri Vittoria Di Sario e Guido Rosa, ha riconosciuto per i parenti diretti dell'uomo, il danno “jure hereditario”, liquidandolo all'attualità e comprensivo di rivalutazione e interessi legali.
Il giudizio arrivato al secondo grado è stato proposto dall'Ona, la più importante associazione nazionale che difende i diritti dei lavoratori esposti alle fibre d'amianto. Secondo gli atti del fascicolo, l'uomo che lavorava prima a Torino, presso le Officine Grandi Riparazione e successivamente a Roma Termini, per diverso tempo sarebbe stato esposto all'amianto privo di maschera protettiva.
Spiega l'avvocato Ezio Bonanni, presidente dell'Ona e difensore degli eredi delle vittime: “La decisione di condanna della Corte di Appello rende giustizia ad A.C. e alla sua famiglia, dopo anni nei quali le Ferrovie dello Stato hanno negato anche l'evidenza. Il rammarico è costituito dal fatto che si tratta di una morte evitabile.  Sarebbe bastato non utilizzare il materiale cancerogeno o anche soltanto dare al lavoratore le maschere protettive per evitare che inalasse le fibre killer”.
Secondo l'Ona le richieste di risarcimento dei lavoratori delle Fs esposti ad amianto, già presentate, avranno in questa sentenza “un precedente significativo”.

SCARICA LA SENTENZA CHE CONDANNA RFI AL RISARCIMENTO

Tags:
amiantoamianto killercorte appello romafsrfionabonanniasbesto






Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Europee, Olimpia Troili sexy candidata Pd: "Foto in bikini? Nulla di male"

Europee, Olimpia Troili sexy candidata Pd: "Foto in bikini? Nulla di male"

i più visti
i blog di affari
Ambiente, Zingaretti e l'epico errore nei manifesti. Pd sempre più tragicomico
di Diego Fusaro
Siri-Raggi, Di Maio vince il piatto scoprendo così il bluff di Salvini
di Angelo Maria Perrino
Ancip. Curarsi con l'ossigeno: quando ricorrere alla medicina iperbarica - OTI

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.