A- A+
Roma
Niente ambulanze per i pellegrini. Giubileo, nessuno fa affari con Zingaretti

di Alberto Berlini

Deserta la gara per le ambulanze, ora in Regione si cerca di rendere appetibile l'appalto milionario ma il tempo stringe: a poco più di due mesi dall'inizio del Giubileo la Regione Lazio sta ancora cercando di trovare gli automezzi che dovranno assistere le migliaia di persone che ogni giorno arriveranno in città andando a pesare su un sistema sanitario fragile e incapace di reggere all'urto dei grandi eventi previsti per l'Anno Santo.

Un lotto unico da oltre tre milioni di euro per una gara che si è chiusa senza che nessuna impresa rispondesse positivamente alla richesta di fornire 45 autoambulanze per il Giubileo. "Ora stiamo aspettando il nulla osta dell'Autorità Nazionale anticorruzione per specchettare la gara in 10 lotti più piccoli - fanno sapere dalla Regione - è questione di giorni poi bandiremo nuovamente la gara".
Troppo difficile fornire così tanti mezzi per un'unica azienda ma se anche la prossima gara non dovesse soddisfare gli operatori per il piano messo in programma dal presidente Zingaretti sarebbe un colpo mortale. Il tempo corre e nonostante dal palazzo regionale agitino tranquillità per l'apertura della Porta Santa difficilmente il sistema sanitario regionale potrà essere pronto: "Ma entro l'anno saremo pronti - chiosano dagli uffici di Zingaretti.

"Ci piacerebbe sapere a che punto è la selezione del personale, reclutato dalle varie aziende sanitarie, che dovrà gestire questo servizio" si chiede Giovanni Ronchi, Coordinatore Regionale Sanità della Federazione Sindacati Indipendenti. "Ci auguriamo che la rete di emergenza sanitaria della nostra Regione, della quale l’ARES 118 è parte rilevante ed essenziale, possa dare concrete risposte in termini di efficienza per rispondere alla domanda di salute pubblica e di interventi di urgenza che si verrà a creare in occasione del Giubileo.
Non è nemmeno chiaro - ha proseguito Ronchi - visto i lavori in corso, il motivo per il quale ancora non è partito il servizio dei Trasporti Secondari, in base alle indicazioni dei piani Operativi Regionali. L’accentramento dei trasporti secondari, oggi parcellizzato in molteplici affidamenti, per Roma, Latina e Frosinone, con la conseguente riduzione dei mezzi e del personale, porterebbe una rilevante riduzione dei costi. Si otterrebbe quindi un risparmio di spesa per contribuire a colmare il disavanzo regionale e per poter finanziare nuove assunzioni future. Insomma vorremo che il Presidente Zingaretti ci potesse chiarire questi aspetti di non poco tempo. Attendiamo fiduciosi…”, ha concluso Ronchi.

Tags:
zingarettigiubileoregione lazio





Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Leopolda, Renzi si prende il Lazio: Italia Viva in Regione, Zingaretti trema

Leopolda, Renzi si prende il Lazio: Italia Viva in Regione, Zingaretti trema

i più visti
i blog di affari
Milano. Eleganza e musica sono di casa al The Singer Music Restaurant
di Paolo Brambilla - Trendiest
Conte e il nuovo umanesimo: per il premier è il momento del suo partito
di Diego Fusaro
Milano Vapore. Prosegue impegno su cultura e politica con convegno e concerto
di Paolo Brambilla - Trendiest

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.