Niente più figli: le donne italiane sono troppo povere per avere famiglia - Affaritaliani.it
A- A+
Roma
Niente più figli: le donne italiane sono troppo povere per avere famiglia

Disoccupazione, problemi economici ed incertezza sul futuro "uccidono" la natalità.  Una ricerca dell'Aied svela la cause della crisi democrafica.

 

L'associazione italiana educazione demografia ha condotto la ricerca grazie ai propri consultori, registrando nel 2017 l’opinione delle donne sul fenomeno del calo della natalità. Sono state coinvolte oltre 5000 donne dai 18 ai 59 anni, distribuite abbastanza omogeneamente per età. Poco più della metà (2775) vive una situazione di coppia stabile, risiede in prevalenza nel Nord e nel Centro Italia, possiede un titolo di studio superiore o più elevato, lavora o studia. La maggior parte delle donne è al corrente della bassa natalità nel nostro Paese (88%) e se ne dichiara preoccupata (85%), considerandolo un sintomo di sfiducia nel Paese e nelle istituzioni e per l’invecchiamento della popolazione e le conseguenze sull’economia.

Insicurezza per il futuro (53%), problemi economici (56%) e mancanza del lavoro (50%) sarebbero le cause principali del calo delle nascite, seguiti dalle insufficienti politiche per la famiglia e dall’infertilità o dall’età avanzata in cui si comincia a pensare ad avere figli.

Più della metà delle donne che ha voluto rispondere a questa domanda (il 15% delle intervistate non ha risposto) ha avuto figli, prevalentemente quanti ne avrebbe voluti; chi non ne ha avuti vorrebbe comunque averne in futuro (dai dati Istat risulta che nel 2016 quasi la metà delle donne tra 18 e 49 anni non ha figli - circa 5 milioni e mezzo - ma tra loro solo l’1,8 % dichiara che l’avere figli non rientra nel proprio progetto di vita).

Dichiarano che, per avere figli, è importante la sicurezza economica (45%) e lavorativa (40%) ma il 59% ritiene indispensabile una relazione soddisfacente con il partner. Dati che rivelano come la dimensione pubblica, al pari di quella privata, incida sulla scelta di mettere su famiglia. Il 34% delle intervistate afferma poi che avrebbe voluto avere più figli di quelli effettivamente avuti. 

I motivi per cui affermano di non averli potuti avere sono per la maggioranza legati a fattori economici/lavorativi (motivi economici 22%, lavorativi 14%, mancanza servizi e/o aiuti 12%, per un totale del 48%), per una percentuale più bassa legati a fattori attinenti alla sfera privata, compreso lo stato di salute (motivi personali di salute 14%, partner contrario 12%, mancanza di rapporto stabile 8%, per un totale del 34%).

La maggioranza di donne che non hanno avuto figli (54%) dichiara di non avere vissuto l'evento in modo doloroso. Una dato in linea con l'alta percentuale di utilizzatrici di contraccettivi registrato, nonché con il fatto di essere socie Aied. I dati della ricerca sono stati presentati in occasione della tavola rotonda “La questione demografica in Italia. Proposte per nuove politiche sociali”, tenutasi nella giornata di mercoledì 17 maggio presso l’Hotel Nazionale di Roma.

Tags:
famigliafiglilavoropovertàdonnecrescita demografica

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Rifiuti, calano mezzi e servizi: raddoppiano i reclami. I romani bocciano Ama

Rifiuti, calano mezzi e servizi: raddoppiano i reclami. I romani bocciano Ama

i più visti
i blog di affari
Le classi dominanti stanno perdendo e reagiscono con la violenza dei Mercati
di Diego Fusaro
Il Manifesto s'inchina ai Mercati. "Il governo gioca con il fuoco"
di Diego Fusaro
Torino, il bordello di bambole? La disumanizzazione capitalistica dei rapporti
di Diego Fusaro

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.