A- A+
Roma

di Mario Baccini *

Quanto accaduto venerdì in piazza di Spagna è il sintomo di un malessere sociale che ha nulla a che vedere con il calcio. Mettere a ferro e fuoco una città e distruggerne i simboli, i monumenti è un puro gesto di inciviltà di cui dovrebbero rispondere solo gli autori di qualunque nazionalità essi siano.
Non si può pensare di lasciare impunito un gesto del genere è necessario che chi lo ha compiuto venga punito secondo la legge e in modo esemplare, d'altronde la funzione primaria degli istituti di pena è quella correttiva e riabilitativa, in più è opportuno che risarciscano il danno, non possiamo affidarci alla generosità dei molti cittadini onesti, che già si sono offerti,  per riparare la Barcaccia. Per questo apprezzo anche le parole del primo cittadino di Rotterdam.
Quel che mi preme sottolineare, però, è che non bisogna confondere i ruoli. In questo caso i colpevoli sono i vandali che hanno distrutto il nostro monumento e oggi non è giusto cercare un capro espiatorio additando le nostre forze dell'ordine per l'indignazione di un gesto di follia che per fortuna è stato contenuto, che certo, ci lascia tutti basiti e inerti di fronte a un gesto così offensivo contro la cultura ma non possiamo prendercela con gli ultimi baluardi della legalità che venerdì hanno protetto i cittadini.
Ringrazio per questo il Questore di Roma Niccolò D'Angelo e il prefetto Giuseppe Pecoraro, perché proprio con l'opera di prevenzione e l'intervento cosciente delle nostre forze dell'ordine sono stati evitati danni alle persone, ai turisti e ai cittadini che venerdì erano in piazza di Spagna e in tutte le aree del centro invase dall'onda arancione.
D'altronde non è pensabile blindare una città, anzi una Metropoli come Roma, specie poi per un evento che dovrebbe esaltare valori di solidarietà, sportività e correttezza come una partita di calcio internazionale, ma la storia ci insegna che non tutti condividono questi principi, quindi è necessario valutare i rischi reagendo con la giusta proporzione. Spesso i servitori dello stato vengono lasciati soli, a loro va oggi il nostro grazie e il nostro plauso per la loro reazione perché ancora una volta hanno dimostrato che sono al fianco dei cittadini facendo il possibile.

Mario Baccini, presidente Fondazione Foedus

Tags:
feyenoordbarcacciatifosi olandesiprefetto romaquestore romaforze dell'ordinepiazza di spagnamario baccini




Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Nudo in fila per un taxi all'aeroporto di Fiumicino. L'ira dei tassisti romani

Nudo in fila per un taxi all'aeroporto di Fiumicino. L'ira dei tassisti romani

i più visti
i blog di affari
Wine Experience? No … molto di più. E’ WineXperience (si scrive così !!!)
di Paolo Brambilla - Trendiest
L'Ospedale Miulli si veste di rosa
di Mariella Colonna
Assemblea Metropolitana del PD a Milano per parlare di Matteo Renzi
di Paolo Brambilla - Trendiest

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.