A- A+
Roma
Nuovo Stadio, con 1,6 mld Roma esce dalla palude della disoccupazione

di Fabio Carosi


Sul Nuovo Stadio della Roma l'assist più emotivo arriva giustamente da Alessandro Florenzi. Dopo l'infortunio e l'intervento cammina, tira calci alla palla e sogna. Florenzi sogna di giocare a Tor di Valle “in uno stadio infuocato dove sentire da vicino il respiro dei tifosi” ma evidenzia come e con più trasporto di un economista navigato e di un politico alle prese col governo della città, il vero valore del Nuovo Stadio: “Darà innanzitutto tanti posti di lavoro, c'è gente a casa che ha voglia di lavorare per salvare la propria famiglia".

 


Perché il sogno dell'As Roma, per il quale il Campidoglio ha finalmente rotto il silenzio invitando il vertici societari ad una riunione nel pieno della procedura autorizzativa della Conferenza dei servizi con il vicesindaco e l'assessore all'Urbanistica Berdini, è riassunto in un solo numero: 5 mila e 500 posti di lavoro reali, generati solo dal cantiere per la sua realizzazione e dall'indotto gestionale.

A questi andrebbero poi sommati altri 4 mila occupati che arriveranno dal business park, ma quella è un'altra storia legata non al progetto ma alla sua capacità di attirare uffici e servizi e di spostare l'asse della città dal centro-nord al sud.
L'apertura che arriva dal Comune di Roma in piena presentazione dello studio del La Sapienza, che sancisce senza se e senza ma che il Nuovo Stadio vale due volte e mezzo l'Expo di Milano ma anche un Giubileo della Misericordia ogni due mesi e mezzo per 9 ani, in termini di prodotto interno lordo e di contributo al fisco nazionale e a quello di Roma, è il segno che il Campidoglio ha compreso il valore dell'opera e vuole aprire un tavolo di discussione con Pallotta&Parnasi. Sarà per questo che al termine della presentazione dello studio de La Sapienza le bocche si sono cucite. Silenzio dal Dg dell'As Roma, Baldissoni e solo sorrisi da Luca Parnasi, presidente di Eurnova, perché prima dell'incontro con Paolo Berdini è necessario non alimentare nessuna polemica.

Una cosa è certa: Il preside della Facoltà di economia del La Sapienza e il suo team hanno certificato mettendoci la faccia ce il Nuovo Stadio è l'unico progetto in campo nella città che a malapena è sopravvissuta alla crisi economica a dare un po' di respiro. E chi si mette di traverso su un investimento da 1,6 miliardi di euro è bene che metta in conto le conseguenze, politiche economiche e sociale della sua scelta. Berdini in primis e il sindaco Raggi sono avvisati.

SCARICA E LEGGI LO STUDIO SULL'IMPATTO ECONOMICO DE LA SAPIENZA

Tags:
nuovo stadioas romator di valleberdiniraggicomune romaflorenziparnasiciccarone la sapienzaexpogiubileolavorooccupazione




Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Roma: dopo due anni e mezzo M5S si ricomincia a tagliare l'erba e le siepi

Roma: dopo due anni e mezzo M5S si ricomincia a tagliare l'erba e le siepi

i più visti
i blog di affari
Il mercato immobiliare milanese per Marco Giuseppe Stefanoni
Governo, Salvini ad Affari: "Io penso a elezioni anticipate? Balle spaziali!"
di Angelo Maria Perrino
Pd, Minniti e la sua sinistra per i deboli. Non dimentichi la lotta all'Ue
di Di Diego Fusaro

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.