A- A+
Roma
Omicidio Diabolik, l'allarme di Cantone: “Crimine organizzato tra gli ultras”
Raffaele Cantone

Le curve degli stadi italiano sono luoghi dove la criminalità cresce e prolifica. A dirlo è il presidente dell'autorità Nazionale Anticorruzione, Raffaele Cantone. E sull'omicidio di Diabolik: “Non so che cosa ci sia dietro l'omicidio di Fabrizio Piscitelli Diabolik, né le dichiarazioni rese dall'altro ultrà laziale Fabio Gaudenzi, suo amico e braccio destro di Massimo Carminati. Questo lo accerterà l'autorità giudiziaria. Posso dire però che tutto questo contesto è l'ennesima riprova di come nelle curve degli stadi italiani si inneschino meccanismi di pura criminalità organizzata”.

Per Catone intervistato dal quotidiano Il Mattino, siamo di fronte a “Un fenomeno ormai trasversale che investe l'Italia da nord a sud e che salda gli interessi “sportivi con quelli criminali. Malgrado si tratti in qualche modo di un allarme segnalato da tempo - sottolinea il presidente dell'Autorità anticorruzione - la presenza di soggetti criminali all'interno delle curve non è un dato che emerge oggi, lo si sapeva da tanto. Chi sono oggi i titolari di questo potere criminale? Soggetti che utilizzano le curve degli stadi sostanzialmente per raggiungere due obiettivi: affiliare e reclutare nuove leve, da un lato; e dall'altro compiere vere e proprie attività criminali, a cominciare dallo spaccio di droga. Gli ingranaggi di reclutamento servono insomma a rafforzare il senso di appartenenza, oltre a garantire un fondamentale strumento di consenso”.

Il profilo del capo ultras

“Chi è oggi il capo ultrà? Un soggetto, per l'appunto, che recluta, fidelizza e cerca di ottenere tra i suoi sempre maggiore consenso: quello che gli servirà, poi, a concludere piccoli e grandi affari illeciti. Il potere che detiene è significativo giacché egli si accredita presso le società sportive e le squadre, per poi poter gestire piccoli e grandi poteri: dal mercato dei gadgets o dei tagliandi d'ingresso allo stadio per finire agli accrediti in occasione degli allenamenti dei calciatori; fino alla gestione delle piazze dello spaccio. Insomma il leader ultrà diventa il gestore principale di un significativo giro di affari sporchi”.

Il ruolo delle società

Ancora Cantone: “Le società spesso chiudono un occhio, o tutti e due in alcuni casi, poiché in questo gioco di ruoli è sempre il capo ultrà a garantire il quieto vivere sugli spalti e fuori, fino a riuscire a condizionare gli stessi rapporti tra tifosi e calciatori. Si pensi poi al potere anche spicciolo che un tale ruolo garantisce: quello di decidere anche quale giocatore deve posare in foto con i suoi ragazzi della curva. Ma oggi sta succedendo anche qualcos'altro...Un fenomeno sul quale bisogna riflettere. La tendenza indica - e sono tanti i dati a dimostrarlo, non ultimo la stessa presenza di ultrà romanisti ai funerali del capotifoso laziale -come si siano ridotti gli scontri tra opposte tifoserie organizzate. Per carità, è un dato da salutare con soddisfazione, se non fosse che - un pò come accade quando la mafia spara e uccide di meno- può nascondere un torbido retroscena: accordi sottobanco e affari che fioriscono”.

La strategia

“Bisogna cambiare la prospettiva di osservazione del fenomeno: nelle curve serve più lavoro di intelligence investigativo. È giunto il momento di rendersi conto che - al di là della Sezione tifoserie delle varie Digos - va implementato il lavoro delle Squadre mobili, dei nuclei informativi dei carabinieri e di conseguenza quello delle Direzioni distrettuali antimafia. Non a caso dopo la notizia dell'omicidio di Piscitelli mi è tornato in mente un fascicolo d'indagine che seguii direttamente quando ero in servizio alla Dda di Napoli: l'inchiesta sul ruolo dei Casalesi nella estorsione fatta alla Lazio per la scalata alla società. In quelle carte si prefigurava l'attuale scenario. Oggi il fenomeno dei legami tra criminalità organizzata e tifoserie ultrà è un dato comprovato. A Napoli, forse, ce n'eravamo accorti con un pò di anticipo osservando la strana coincidenza sugli spalti della Curva B di certe sigle ultrà con i gruppi della camorra del centro cittadino”.

Omicidio Diabolik, Gaudenzi tace: per il gip resta in isolamento a Rebibbia

Commenti
    Tags:
    ultraspiscitellidelitto piscitellidelitto diabolikirriducibiliraffaele cantoneanticorruzione
    Loading...




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Rifiuti, A2A brucia Acea: inceneritore vista Capalbio, esplode rivolta local

    Rifiuti, A2A brucia Acea: inceneritore vista Capalbio, esplode rivolta local

    i più visti
    i blog di affari
    La geopolitica di Macron, Brexit il kick-off all'autonomia strategica UE
    di Bepi Pezzulli
    CHI HA TEMPO NON ASPETTI TEMPO
    di Angelo Andriulo
    Venezia,emblema della fragilità italica. Ma nell'estremo esce il meglio di noi
    di Diego Fusaro

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.