A- A+
Roma
Omicidio Varani, inizia il processo di secondo grado: Manuel Foffo alla sbarra

Inizia giovedì 1 febbraio il processo di secondo grado per Manuel Foffo, accusato di aver assassinato Luca Varani, morto durante un festino gay a base di sesso e droga nel marzo 2016.

 

Il 31enne romano è stato condannato in primo grado a 30 anni di reclusione per omicidio volontario aggravato dalla crudeltà. La sentenza era stata emessa dal gup dopo il rito abbreviato.

Aveva scelto il rito ordinario invece Marco Prato, l'altro giovane coinvolto nella tragica vicenda. Il ragazzo si era però tolto la vita in carcere.

Varani venne seviziato per ore, in un gioco sadico e spietato che gli diede una morte lenta e atroce. Fu messo in condizione di non potersi difendere perché stordito dall''alcover', un farmaco somministratogli a tradimento con il cocktail che gli fu offerto appena arrivato nell'appartamento di via Igino Giordani.

L'autopsia parlò di Varani morto per uno choc dovuto al dissanguamento, quindi non per le conseguenze dirette di una singola coltellata che lo ha raggiunto al torace. La lama trovata conficcata sul tronco del ragazzo non avrebbe trafitto il cuore ma avrebbe perforato il polmone sinistro. Il medico legale riscontrò sul corpo una trentina tra ferite da arma da taglio, colpi da punta e martellate, per la maggior parte concentrati sull'addome e sul collo. Per gli investigatori, molte delle ferite sarebbero state inferte da Foffo e Prato con crudeltà al solo scopo di far soffrire il giovane.

E dalle indagini emerse inoltre che i due imputati, prima di uccidere Varani avevano passato ore a scegliere e individuare una potenziale vittima tra i numerosi amici contattati e invitati a presentarsi in quella casa dove era in corso un party a base di alcol e cocaina. Secondo le indagini, Foffo e Prato ventiquattro ore prima di Varani avevano invitato almeno altre due persone: Giacomo e Alex. Il primo sarebbe stato narcotizzato da Prato con un sonnifero nel bicchiere - come riferì Foffo al pm -, mentre l'altro rifiutò di bere il superalcolico che gli venne offerto non appena messo piede in quella casa giovedi' 3 marzo alle 5 del mattino. Sia Giacomo che Alex lasciarono senza problemi quell'appartamento. E cosi' la scelta di Foffo e Prato cadde su Varani, che rispose positivamente alle telefonate di invito del secondo, andando cosi' incontro inconsapevolmente alla morte.

 

Tags:
luca varanidelittoomicidiogaydrogafestinomanuel foffosecondo gradomarco pratosuicidiocondanna a morte

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Esquilino-San Giovanni, tutti contro la preferenziale Atac “senza testa”

Esquilino-San Giovanni, tutti contro la preferenziale Atac “senza testa”

i più visti
i blog di affari
Gli abiti iconici che hanno fatto la storia della maison Versace
di Anna Capuano
Basta incendi: va ricostituito il Corpo forestale dello Stato
di Maurizio Tortorella
Dopo gli ANGELI di Victoria’s Secret, arrivano le DIVE di Twins.
di Paolo Brambilla - Trendiest

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.