A- A+
Roma
Ostia, estate finita per il Battistini: sequestro di beni per autoriciclaggio

Clelia e Silvana Taraborrelli, le due sorelle titolari dello storico stabilimento di Ostia, Battistini, accusate di appropriazione indebita e autoricilaggio. Prendevano parte degli incassi e li versavano sui loro conti personali.

L'hanno chiamata operazione “Black Sand”, è quella che ha portato il Nucleo Speciale di Polizia Valutaria della Guardia di finanza a mettere a fuoco l'ipotesi di reato di appropriazione indebita e autoriciclaggio a carico di due sorelle di 73 anni, e 68 anni titolari del Battistini, lo stabilimento sul litorale di Ostia e che a maggio ha celebrato, anche con una Messa in spiaggia, il primo centenario.

I militari hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo emesso dal Gip del Tribunale di Roma, su richiesta della locale procura della Repubblica, per un importo complessivo pari a 851.000 euro.

Nello specifico, le articolate indagini condotte dagli specialisti delle Fiamme Gialle – coordinate dalla procura della Repubblica capitolina – sono partite con l'approfondimento investigativo su alcune transazioni finanziarie ritenute anomale e che hanno consentito di appurare che le due sorelle, nella loro rispettiva veste di amministratore di diritto e co-amministratore di fatto della società, a partire dal 2012 avevano effettuato ingenti e ingiustificati versamenti di denaro contante sui propri rapporti bancari personali, per un ammontare di oltre 1,2 milioni di euro. 

Gli approfondimenti investigativi delle Fiamme Gialle hanno portato a dimostrare - riferisce un comunicato - che tali somme erano frutto di un collaudato meccanismo di sottrazione di proventi in nero derivanti dallo svolgimento dell’attività dello stabilimento balneare, che venivano distratti dall’attività aziendale per essere destinati a scopi personali, sicuramente difformi da quelli statutari. In particolare, è stato accertato che buona parte della provvista così accumulata, per l’importo appunto di 851mila euro, è stata autoriciclata attraverso l’accensione di polizze assicurative, operazioni queste idonee a ottenere un concreto effetto dissimulatorio della provenienza illecita delle somme impiegate. I provvedimenti eseguiti sono quindi l’epilogo -di un complesso iter investigativo che "dimostra ancora una volta la costante azione della Guardia di finanza finalizzata alla ricerca e repressione di più gravi e insidiosi crimini di natura economico–finanziaria e all’aggressione dei patrimoni illecitamente accumulati".

Commenti
    Tags:
    ostiariciclaggiostabilimento battistinibattistiniguardia di finanzaestate 2019sequestro beni





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Salvini contro Renzi.I leader uniti col Pd per cacciare da Roma Virginia Raggi

    Salvini contro Renzi.I leader uniti col Pd per cacciare da Roma Virginia Raggi

    i più visti
    i blog di affari
    Salvini Renzi confronto TV, macché boxe. Un noioso minuetto con Vespa regista
    di Maurizio de Caro
    Da oggi "death: reconversion" Mostra fotografica di Greta Valentina Galimberti
    di Paolo Brambilla - Trendiest
    Si può essere licenziati per una lunga malattia?
    di Avv. Cristiano Cominotto

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.