A- A+
Roma
Pace, diritti dell'uomo e libertà: una mostra spiega il legame a regola d'arte

di Maddalena Scarabottolo

Un mondo sicuro nel pieno rispetto dei diritti dell'uomo, pace e libertà è in mostra a Roma presso il Museo Andersen. Con “Architetture per la pace”, visitabile fino al 1 settembre, l'artista Gilberto Di Stazio ci parla della sua visione del mondo.

 

Gilberto di Stazio, architetto, scultore e pittore romano, con la personale “Architetture per la pace”, propone al pubblico una riflessione in riferimento ai diritti universali dell'uomo. La mostra, curata da Maria Giuseppina Di Monte e Valentina Filamingo, si articola nelle sale al primo piano del Museo Andersen tra installazioni, piccoli schizzi a carboncino e ipotetici progetti architettonici.

Tutto inizia dall'opera intitolata “Il Forte” che infatti è incentrata sul concetto della difesa dei diritti inalienabili dell'uomo come la convivenza pacifica e la libera e piena espressione della propria personalità. Tra le prime righe della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, si legge infatti che “il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana e dei loro diritti, uguali ed inalienabili, costituisce il fondamento della libertà, della giustizia e della pace nel mondo”.

Il pubblico è invitato a girare attorno a questi mondi, di dimensioni inferiori rispetto al reale, ma che richiamano alla mente scenari già visti e rivisti in un qualsiasi telegiornale. I materiali poveri come cartone, sacchi di juta, legno e carbone rendono le instabili architetture ancora più evocative del bisogno mondiale di vivere in pace. Il gusto volutamente artigianale delle opere rende le installazioni facilmente leggibili: qualunque coinquilino del mondo può comprendere come vi sia implicata una ragione morale e un rimando ai valori universali.

Il percorso espositivo prosegue con un'opera intitolata “Campo 6”, la quale richiama alla mente la tipica immagine dei lager nazisti. Ovviamente anche questo lavoro s'inserisce come monito contro ogni forma di odio razziale e violenza.

Il linguaggio efficace e immediato di Gilberto Di Stazio si ritrova anche nella “Città dei Clochard”, rappresentate un paesaggio di architetture distrutte, senza tetto e con travature instabili. La precarietà dell'opera rappresenta bene l'enorme interrogativo sociale in riferimento alle condizioni di vita degli emarginati e degli esclusi dalla società, dei senza tetto e senza fissa dimora. Il pubblico è invitato a guardare con occhio consapevole e attento a questa sensibile riflessione antropologica.

In ogni caso il messaggio che l'artista vuole lanciare è un messaggio positivo e costruttivo. Il lavoro intitolato “Guarda sempre verso il cielo” rende chiara questa idea attraverso una piccola casa in cartone le cui pareti sono un collage di foto che guidano lo spettatore a orientare lo sguardo verso l'alto in un senso di liberazione e simbolo del miglioramento globale che tutti si auspicano.

Per tutta la durata della mostra, visite guidate e altre iniziative verranno svolte dagli studenti delle scuole superiori, che nel corso dell'anno scolastico 2018/2019 hanno lavorato presso il Museo Hendrick C. Andersen al progetto di Alternanza Scuola Lavoro. Maggiori informazioni sono consultabili su: www.polomusealelazio.beniculturali.it.

Commenti
    Tags:
    pacediritti dell’uomolibertòmostraartelegamemuseo andersengilberto di stazioarchitetture per la pace
    Loading...





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Prostituzione libera e tasse da pagare: Andrea Ruggieri scuote Forza Italia

    Prostituzione libera e tasse da pagare: Andrea Ruggieri scuote Forza Italia

    i blog di affari
    Ditta individuale o Srl: quale forma giuridica scegliere?
    di Gianluca Massini Rosati
    Il giustizialismo incoerente di una certa sinistra
    di Massimo Puricelli
    Human + Machine per una nuova forma di “intelligenza collaborativa”
    di Maurizio Garbati

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.